Rifiuti sulla Sp13 ancora discarica a cielo aperto.

Rifiuti sulla Sp13

Anno nuovo, vecchie abitudini. Pessime, a dire il vero. Nulla sembra servire a scoraggiare gli incivili che continuano ad abbandonare sul ciglio della strada ogni tipo di rifiuto. Prima di salutare l’anno nuovo, il presidente della Provincia, Roberto Invernizzi, ha dichiarato che tra le priorità in agenda per l’anno nuovo ci saranno interventi anche sulla Sp13.

Rifiuti sulla Sp13 ancora discarica a cielo aperto

I precedenti

La Provincia e il Cem danno la caccia agli incivili. Un giro di vite contro i continui abbandoni di rifiuti lungo la Sp13, la provinciale che da Caponago porta ad Agrate. Un tratto di strada da anni ridotto ad una vera e propria discarica a cielo aperto. Montagne di rifiuti di ogni genere che invadono in particolare le piazzole di sosta. le due amministrazione comunali le hanno provate tutte.

Nel 2013

Il sindaco di Agrate Ezio Colombo e la vicesindaco di Caponago Maria Enrica Galbiati avevano persino inscenato nel settembre del 2013 una manifestazione sul posto con tanto di cartelli di protesta. Da allora anche la Provincia di Monza e Brianza, prima timidamente e poi con azione sempre più concrete, ha cercato di combattere il fenomeno. Diversi gli interventi di pulizia delle soste liberate da quintali di rifiuti. Pochi giorni, e la situazione tornava puntualmente come prima.

Prima di Natale

Ora, come detto il presidente della Provincia Roberto Invernizzi e i vertici del Cem (la società che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti per gran parte dei Comuni del nostro territorio, Caponago e Agrate compresi) ha deciso di aggiungerle un’altra arma nella battaglia. Mercoledì scorso, azione che verrà ripetuta con cadenza mensile, agenti della Polizia provinciale ed operatori del Cem hanno incominciato ad aprire i sacchi e a rovistare tra la spazzatura abbandonata lungo la Sp13 per scovare scontrini, corrispondenza o altri indizi che possano far risalire agli autori dello scempio, con l’obiettivo naturalmente di sanzionarli pesantemente.

Leggi anche:  Quando Pasta e fagioli fermò la guerra

Rifiuti sulla Sp13 ancora discarica a cielo aperto

L’ennesima segnalazione

“E’ una vera vergogna – ha spiegato Ivan Villa, residente ad Agrate Brianza e appassionato di fotografia, autore degli scatti che ha inviato alla nostra redazione – Sono indignato. Possibile che non si riesca a fermare questo fenomeno?”.