Un treno bloccato per tre ore tra Centrale e Lambrate. E monta la rabbia dei pendolari. E’ successo mercoledì sera a coloro che sono saliti sul regionale 2633 in partenza da Milano centrale alle 19.05 e diretto a Bergamo. Tra di loro molti residenti dell’Adda Martesana e della Bassa.

Un breve viaggio

Il treno si è fermato prima della stazione di Milano Lambrate. E i pendolari hanno subito attaccato: «Bollettino del 2633 — recita un messaggio sulla pagina Facebook del Comitato pendolari bergamaschi —  Dopo più di mezz’ora siamo fermi e ancora non si sa nulla. Solo qualche annuncio contraddittorio dall’altoparlante («guasto risolto» e due minuti dopo «stiamo valutando l’entità del guasto») e nessuno che sia passato a dare qualsiasi informazione. Il treno ha anche due carrozze al buio, tra le delizie di questa serata». Qualcuno ha anche parlato di gente in preda a malori. « Manca l’aria, le porte non possono essere aperte e alcune persone si sentono male. Le informazioni sono totalmente assenti», recita un altro messaggio di un pendolare.

Le spiegazioni di Trenord

Attorno alle 19.40 Trenord  aveva dato una prima motivazione, parlando di treno fermo «a causa di un guasto».  Soltanto alle  21.30 è stato  inviato un locomotore per ripartire.  Ovviamente i disagi si sono ripercossi su tutta la linea, in particolare sulle tratte che conducono a Treviglio e Bergamo.

Leggi anche:  Capotreno aggredito da un passeggero senza biglietto

La rabbia dei pendolari

Tantissime le persone a bordo del convoglio fermo, circa 500 secondo la denuncia della pagina Facebook del Comitato pendolari bergamaschi “Quellideltreno”. Tutti esasperati. Sino alle 22.30, quando «Treno agganciato e “ripartito”… ora vediamo cosa ci aspetta a Lambrate». Qui sono stati spostati su un altro mezzo che li ha condotti a casa.   “A Lambrate spiegamento di forze di polizia. Trasbordati sul treno 2637 delle 21.05 che era rimasto a centrale accumulando un ritardo di oltre un’ora. Ripartiti alle 22.40 da Lambrate. Stravolti. Un goccio d’acqua e delle scuse sarebbero stati graditi”, è l’ultimo messaggio di una serata da incubo. Trenord ha fatto sapere che l’intervento del mezzo inviato per il recupero del treno è stato ritardato da un guasto alle infrastrutture Rfi.