Grande attesa per le elezioni comunali di Cinisello Balsamo, con un Pd cittadino in crisi, la sinistra nazionale in débâcle, e una Lega sempre più forte, anche in città

Giacomo Ghilardi vs Siria Trezzi

Oggi, 30 marzo, il ministero degli Interni ha comunicato che le elezioni comunali si svolgeranno il 10 giugno.

In queste elezioni comunali a Cinisello Balsamo lo scontro principale sarà tra la veterana Siria Trezzi, figlia di Vittorio Trezzi, una colonna del partito comunista cittadino, e sindaca uscente, e il giovane consigliere comunale della Lega Giacomo Ghilardi, che da anni si è impegnato sul territorio, soprattutto nei quartieri periferici.

Sono in molti a chiedersi come sarà il finale di queste elezioni comunali, se Cinisello è destinata a seguire il destino di Sesto San Giovanni.

La Trezzi si trova con un partito spaccato, ma questo l’ha resa ancora più determinata a combattere per un secondo mandato. La Lega ha aspettato fino all’ultimo Forza Italia, da tempo assente sul territorio, che alla fine ha concordato sulla scelta di una faccia nuova, ma soprattutto giovane per spezzare la linea governativa decennale del Pd.

Giacomo Ghilardi

“Da oggi sono ufficialmente candidato sindaco per la città di Cinisello Balsamo – ha detto il candidato sindaco della Lega – Ringrazio Matteo Salvini e la Lega per il sostegno, ma soprattutto ringrazio i partiti e le liste civiche che, concedendomi la loro fiducia, sulla base di un progetto comune, hanno deciso di condividere questo cammino.
Saró il rappresentante di una coalizione unita e concreta che si pone lo scopo di difendere, valorizzare e rilanciare la nostra città”.
Per la sua campagna elettorale Ghirlardi ha scelto l’hashtag #oracambiamodavvero.

Leggi anche:  Scappa dall'ospedale con addosso il camice, ripreso sulla Provinciale

Siria Trezzi

 

“Il Ministero degli Interni ci ha comunicato che il 10 giugno si terranno le elezioni comunali – ha scritto Trezzi sulla sua pagina Facebook –  E tra noi è bene essere chiari. Da subito. Tra 70 giorni dovremo fare una scelta per la nostra Città: dovremo decidere se vorremo continuare a essere l’ORGOGLIOSA COMUNITÀ LABORIOSA E SOLIDALE che siamo diventati in questi anni oppure se vorremo rovinare questa comunità in nome della paura e del rancore tra di noi.
Conosco la nostra città: con lei ho gioito e sofferto, tra notti insonni e grandi momenti di felicità. In questi 5 anni ho visto ancora da più vicino le sue grandi potenzialità, il suo giusto orgoglio di essere speciale, i suoi grandi risultati e anche i suoi difetti. E sono fiera di dire che per me questo è l’unico posto al mondo che chiamo CASA.
Per questo so che la nostra città non crederà a quello che farà la destra in questi 70 giorni: quando dirà che tutto va male, quando mentirà e giocherà con le nostre paure, perché la nostra comunità è meglio e più forte di tutto ciò.
Ed è la nostra storia insieme che ce lo insegna”.