Un corso per genitori per imparare a difendersi dai pericoli del web.

Pericoli del web:   genitori a lezione per difendere i propri figli

Nasce dalla collaborazione tra Pepita Onlus, Aica(Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) e Afol (Agenzia Metropolitana per la formazione, l’orientamento e il lavoro), con il supporto di avvocati, sociologi e psicologi, il primo corso conCERTIFICAZIONE intitolato “Genitori nella Rete, tra Regole e Consapevolezza”. Si terrà a Milano il prossimo 20 gennaio e sta già suscitando interesse tra mamme e papà.

Tuo figlio è sempre connesso?

Tuo figlio è sempre connesso? Non sai come dargli regole per limitare l’uso dello smartphone? Pensi che ne sappia più di te nel mondo digitale? Il Web ti affascina, ma per primo non sai come responsabilizzare i tuoi figli su questo immenso mondo? Conosci le norme che regolamentano la Rete e quali reati si celano dietro alcuni fenomeni? Il corso risponderà a queste domande con l’aiuto di esperti che da tempo collaborano con Pepita Onlus per definire le caratteristiche dei principali social network, delle app e dei principali sistemi di messaggistica e valutare opportunità e rischi ai quali possono andare incontro i nostri ragazzi navigando.

“Occorre l’alleanza di tutte le figure educative”

“Abbiamo compreso da tempo che per fare prevenzione occorre l’alleanza di tutte le figure educative – ha spiegato Ivano Zoppi, Presidente di Pepita Onlus – ma non possiamo raggiungere questo obiettivo senza aver formato i genitori che, altrimenti, restano sempre un passo dietro i loro figli “digitali”. Per questo Pepita ha incontrato i #GenitoriDigitali – un gruppo molto social voluto e organizzato da Tamara Maggi,Marco Troiani e Francesco Facchini – che stanno facendo un grande lavoro dal basso per raggiungere i loro pari attraverso i social network e promuovere un cambiamento: conoscere il mondo dei social media per accompagnare i ragazzi alla responsabilità.

Il corso

Dalle 8.30 alle 16, con una pausa pranzo di un’ora si alterneranno alla docenza:

· Ivano Zoppi – educatore, formatore e presidente di Pepita Onlus. È membro del comitato scientifico per il coordinamento delle attività di prevenzione del cyberbullismo istituito dall’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, oltre che referente operativo di CO.NA.CY – Centro Nazionale per il supporto alle vittime di Cyberbullismo istituito dal MIUR presso la Casa Pediatrica dell’ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano diretta dal Prof. Luca bernardo

Leggi anche:  Crocetta: vandalizzata galleria di street art

· Mara Ghidorzi – sociologa, responsabile dell’Ufficio Politiche di Genere presso Afol Metropolitana, da anni progetta e coordina interventi educativi di contrasto alla violenza in tutte le sue declinazioni e agli stereotipi di genere. Nelle scuole, svolge attività di formazione con docenti, educatori, genitori e laboratori didattici con alunne e alunni.

· Marisa Marraffino – avvocato, specializzata in diritto delle telecomunicazioni, ha lavo- rato alla Corte di Giustizia Europea di Lussemburgo e attualmente ha uno studio legale a Milano. Collabora con la sezione legale del Sole24Ore ed è autrice di libri e articoli su reati a mezzo social network. Da anni partecipa a progetti contro il cyberbullismo e reati informatici in generale.

· Miolì Chiung – psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale con specializzazione nell’ambito minori e famiglia. Da anni studia le dinamiche relazionali nell’era di internet. Ha compiuto studi e ricerche in ambito scolastico e clinico. Si occupa della formazione dei docenti in materia di disabilità, valutazione delle competenze e gestione della classe. Direttrice dello Studio di Psicologia Salem, dove coordina un’equipe multidisciplinare di specialisti che si occupano del benessere psicologico dell’individuo, dai processi di prevenzione fino alla cura.

Gli argomenti

· le caratteristiche delle applicazioni di messaggistica istantanea e dei social network maggiormente utilizzati dai ragazzi – Ivano Zoppi (Pepita Onlus – CO.NA.CY)

· gli strumenti per prevenire e gestire con efficacia fenomeni di cyberbullismo – Mara Ghidorzi (Afol Metropolitana)

· i rischi legati ad un uso scorretto della rete – Mara Ghidorzi (Afol Metropolitana)

· la condivisione del proprio corpo sul web: Sexting e Sextortion Ivano Zoppi (Pepita Onlus – CO.NA.CY)

· la Privacy e Identità digitale – Marisa Marraffino (Studio Marraffino)

· le implicazioni legali di un atto di bullismo e cyberbullismo – Marisa Marraffino (Studio Marraffino)

· gli aspetti psicologici, relazionali e comunicativi – Miolì Chiung (Studio di Psicologia Salem)

· le modalità per attivare la responsabilizzazione attiva dei ragazzi e condividere un patto educativo – Ivano Zoppi (Pepita Onlus – CO.NA.CY).

Certificazione

Al termine del seminario sarà il momento dell’esame di certificazione CYBERSCUDO Battilbullismo a cura di AICA – Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico e Pepita Onlus. Potrà essere sostenuto in sede al termine della formazione ed è destinato ad attestare le competenze acquisite dai partecipanti durante il corso.