Code, disorganizzazione e tensione alle stelle. Attese infinite al Pronto soccorso del San Raffaele.

Pronto soccorso San Raffaele, attese infinite per un letto

Situazione critica all’ospedale San Raffaele. Molti pazienti, da giorni nelle corsie del Pronto soccorso, aspettano il ricovero nei reparti. Non vi sarebbero infatti più posti letto disponibili all’interno della struttura.

Tutto fermo da sabato

“Mia madre è stata portata via da casa in ambulanza sabato mattina, intorno alle dieci, in codice rosso – ha raccontato una pioltellese, che praticamente da tre giorni si trova “ospite” del nosocomio – Dopo circa tre ore ci è stato detto che sarebbe stata ricoverata ma da allora non ci siamo più mossi da qui”. La donna, 83 anni ad aprile, è affetta da Alzheimer, ha un tumore e una grave infezione alle vie urinarie.

Molti casi segnalati

Tre le stanze del nosocomio la tensione è alle stelle. Nella notte appena trascorsa i famigliari di due pazienti sarebbero quasi venuti alle mani dopo un alterco. Molti i famigliari che si lamentano non solo dell’attesa ma della mancanza di chiarezza.  Un uomo, in Pronto soccorso da domenica, si è sentito di nuovo male, vomitando. La sorella ha richiamato l’attenzione del personale, ricevendo come risposta: “E’ già tanto che io sia qui, cosa vuole da me?”.

Leggi anche:  Il cigno con le ali tarpate torna a volare FOTO

Situazione peggiorata nelle ultime ore

Una situazione al limite che sembra stia peggiorando nelle ultime ore, con l’accumularsi di altri pazienti nei corridoi del Pronto soccorso.  “E’ un continuo rimandare senza dare una soluzione – ha continuato – Ci era stato detto che avremmo ricevuto una stanza stamattina ma a ora ancora nulla. Mia madre è fragile e in questa situazione non può che peggiorare”.