E’ andata benissimo la manifestazione che si è tenuta all’Alzabandiera nel weekend.

Quintali di castagne hanno invaso l’Alzabandiera

In due giorni oltre cinquemila persone hanno visitato una tradizionale manifestazione. La castagnata organizzata dagli alpini di Cassano, infatti, è stata un successo oltre ogni aspettativa. In tanti sabato e domenica sono andati all’Alzabandiera per degustare il frutto autunnale e stare in compagnia. E le Penne nere non si sono risparmiate distribuendo diversi quintali di castagne e intrattenendo i presenti, ma non prima di aver commemorato il 145esimo di fondazione del corpo davanti al monumento del generale Perrucchetti.

Da mesi al lavoro per organizzare l’evento

Gli alpini e i loro sostenitori hanno lavorato per mesi per organizzare l’evento curando ogni aspetto nei dettagli, dall’acquisto di castagne al montaggio delle attrezzature e alla logistica. E i volontari hanno distribuito migliaia di cartoncini contenenti le castagne a grandi e piccini. Nel pomeriggio di domenica infatti, a causa delle numerose richieste, le scorte erano già esaurite.

Novità e tradizione hanno decretato il successo

Agli aspetti tradizionali dell’iniziativa si sono affiancate alcune novità. Il più giovane degli alpini, Elia Biffi, ha avuto un’idea che è risultata vincente: l’evento è stato “vissuto” sui social grazie a foto, commenti e aggiornamenti. Questo coinvolgimento ha fatto sì che il numero di partecipanti aumentasse notevolmente. Tutti sono rimasti soddisfatti e hanno tessuto le lodi delle Penne nere per l’ottima organizzazione, la cortesia dimostrata e le gustose castagne. Neanche una, infatti, era marcia o guasta. “I sorrisi e i ringraziamenti dei cassanesi ci hanno ripagato della fatica”, hanno detto gli alpini.