Quali sono i vantaggi di vivere in una casa domotica? Andiamo a scoprirli. Gli anni passano e, inevitabilmente, il fisico si indebolisce. Oggi però, fortunatamente, oltre agli ausili più classici, si fa incontro a chi ha meno forze degli altri anche la cosiddetta domotica. E’ la gestione elettronica degli elettrodomestici e degli impianti che ci consente di creare una casa nella quale vivere bene invecchiando meglio. Di conseguenza con un semplice telecomando si possono gestire l’impianto di illuminazione, di sicurezza, delle telecomunicazioni, del riscaldamento, dell’aria condizionata e più in generale, di qualsiasi componente alimentato dall’energia elettrica.

I vantaggi di vivere in una casa domotica

Ecco i dispositivi automatizzati oggi più diffusi. Tapparelle automatiche: l’applicazione di un motorino alle tapparelle delle finestre consente di alzarle e abbassarle tenendo premuto un pulsante. Montascale elettrico: è una pedana o una poltrona fissata alla rampa delle scale che permette di salire e di scendere stando seduti. Sollevatore per la vasca da bagno: è un seggiolino posto all’interno della vasca che con un telecomando si alza e si abbassa. Letto elettrico: è un letto con le sponde a scomparsa, senza gli spigoli e dotato di un motore che permette di regolarne l’altezza con un pulsante.

Leggi anche:  Grate di sicurezza, importantissime per l’estate

I contributi economici

In riferimento alla legge 13/1989, che prevede contributi economici per l’eliminazione delle barriere architettoniche dagli edifici privati, è possibile ottenere dei contributi per l’acquisto di apparecchiature domotiche; chi è interessato deve rivolgersi al proprio Comune di residenza.