Era ubriaco alla guida del suo mezzo. Non sapeva più dove era finito. Così, in stato confusionale, è sceso dal camion lasciandolo a fari spenti in mezzo alla Sp11. Poco dopo sarebbe sopraggiunta la Mazda su cui viaggiavano tre uomini di ritorno dalla cena di Natale. Uno di loro, il 39enne Hristov Draganov sarebbe morto sul colpo. (LEGGI L’ARTICOLO)

Abbandona il camion

La ricostruzione di quanto avvenuto nella notte di ieri non lascia adito a dubbi. L’incidente in cui ha trovato la morte il 39enne melzese sarebbe stato causato dall’alcol. E’ stato arrestato per omicidio stradale l’autista del camion che stava percorrendo la Padana in direzione Cernusco. L’uomo, un peruviano di 39 anni,  è risultato avere un tasso alcolemico di 1,51 grammi per litro. Stando a quanto ha spiegato ai carabinieri di Pioltello, si era perso e, non riuscendo più a orientarsi aveva deciso di parcheggiare il suo furgone a bordo strada. Ma la manovra non è riuscita.

Morto sul colpo

Infatti poco è spraggiunta la macchina, una Mazda, con a bordo tre persone. Alla guida un italiano di 55 anni, con a fianco Hristov Draganov e nel sedile posteriore un 48enne.  Stavano rientrando da una cena aziendale. Il conducente del veicolo si sarebbe accorto solo all’ultimo della presenza del furgone parcheggiato in mezzo alla strada. Avrebbe provato a evitarlo, ma senza fortuna. Infatti ha centrato il camion proprio con il lato del passeggero e il melzese è stato investito da vetri e lamiere. Per lui non c’è stato niente da fare.

Leggi anche:  Sindaco in trasferta per ammirare le bellezze dell'Adda

Lutto in paese

Dolore e sconforto a Melzo per una tragedia assurda, alla Vigilia del Natale. Draganov, operaio presso una ditta di logistica, aveva due bambini. In tanti lo hanno ricordato come un padre amorevole e presente.