Anziano muore tre giorni dopo essere stato investito sulle strisce. L’incidente è avvenuto lunedì: era in compagnia del suo badante. Ieri, giovedì, il cuore dell’uomo di 87 anni ha smesso di battere.

Anziano muore tre giorni dopo l’investimento

Il suo cuore ha smesso di battere tre giorni dopo l’investimento sulle strisce pedonali. Non ce l’ha fatta Enrico Ferri, il sestese 87enne travolto lunedì da una motocicletta a Cinisello Balsamo, in via Cadorna, all’altezza dell’incrocio con via Aurora. L’uomo – che risultava essere residente a Sesto San Giovanni in un condominio nel tratto di viale Casiraghi verso il Rondò – era da alcuni mesi domiciliato a Cinisello Balsamo, in un appartamento che divideva con il suo badante.

È stato travolto assieme al badante

Ed era presente proprio anche quest’ultimo lunedì, quando è avvenuto l’incidente mortale. L’anziano – in compagnia del badante – stava attraversando la strada sulle strisce, quando il 63enne alla guida della moto lo ha travolto, dopo aver colpito anche un’auto che aveva davanti a sé e che si era fermata regolarmente per dare la precedenza ai pedoni. L’87enne era finito violentemente sull’asfalto. Il 63enne è ora indagato per omicidio stradale.

Leggi anche:  Sindaco in trasferta per ammirare le bellezze dell'Adda

Trasportato d’urgenza al Pronto soccorso del Bassini

Le condizioni dell’anziano, trasportato d’urgenza al Pronto soccorso dell’ospedale Bassini di Cinisello, erano parse da subito gravi, ma non sembrava in pericolo di vita. Ricoverato in prognosi riservata lunedì, Ferri è morto nel pomeriggio di giovedì. Le sue condizioni sono peggiorate all’improvviso, fino al tragico epilogo.