Mistero sul cadavere ritrovato poco fa a Bussero. Sul luogo del ritrovamento sono già arrivati gli uomini della Polizia Locale di Cassina-Bussero insieme ai carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda.

Cadavere al confine con Carugate

Il corpo dell’uomo, che risulta ancora ignoto poiché sprovvisto di documenti, è stato trovato nella campagna di Bussero. Precisamente ai margini di un fossato nelle campagne a Nord del paese, nella proprietà della famiglia Sioli all’interno del Parco Pane. L’ingresso alla stradina sterrata si trova in via Monza, ma l’accesso è stato ovviamente interdetto dalle Forze dell’ordine per consentire i rilievi.

L’arma a fianco del cadavere

Stando dalle prime notizie emerse, l’uomo è stato ritrovato riverso a terra supino. Al suo fianco una pistola, quella che, sembrerebbe, essere l’arma da cui è stato esploso il colpo che lo ha ucciso.  Bisognerà attendere l’arrivo della scientifica e le seguenti indagini per capire se si sia trattato di omicidio o di suicidio, anche se alcuni dettagli alimentano il dubbio. Infatti pare che l’uomo sia stato ritrovato riverso a terra con un lenzuolino in parte, come se avesse cercato di crearsi un giaciglio prima della morte.

Leggi anche:  Suicidio a Melzo: anziano si toglie la vita nel box

Identità sconosciuta

Tra i vestiti del cadavere non sono stati ritrovati documenti o elementi che potessero aiutare a capirne nell’immediatezza l’identità. A prima vista sembra trattarsi di un uomo di età compresa tra i 30 e i 35 anni. Gli inquirenti hanno fatto sapere che, nelle ultime ore, non sono state denunciate sparizioni da Bussero né dalla vicina Cassina de’ Pecchi.

Ritrovamento fortuito

Il corpo sarebbe stato trovato da una donna mentre portava a spasso il cane. La ragazza proveniva dalla vicina pensione per cani Amici sinceri e, come d’abitudine, stava portando a spasso uno dei cani presenti. Quando, all’improvviso, si è trovata vicino il corpo senza vita dell’uomo. Immediatamente ha chiamato il 112.