Emergono nuovi sviluppi sulla vicenda del canile abusivo scoperto dai carabinieri mercoledì sera a Melzo (LEGGI LA NOTIZIA).

Canile sequestrato la verità dei titolari

Gli animali erano di proprietà di una coppia di allevatori di pitbull di Parma, che avevano chiesto ospitalità al Centro Ippico di via Monte Sabotino. “Avevamo dato loro i nostri box in comodato d’uso, e tutto andava bene”, ha spiegato la titolare Simona Castiglioni. Poi, però, a settembre c’erano stati i primi problemi. La coppia si era separata e a occuparsi dei cani era rimasto solo l’uomo, che aveva iniziato a trascurarli. E poi è sparito.

L’episodio scatenante

Sabato uno dei cani era scappato, ed era stato trovato da una cliente del maneggio. Che lo aveva portato dal veterinario e segnalato la situazione, prendendo in affitto il quattrozampe. Da lì erano partite le verifiche dei carabinieri e dell’Asl.

Mercoledì sera

“Il mio vicino mi ha chiamato dicendomi che c’erano quattro intrusi nella proprietà”, ha spiegato Castiglioni, che subito si è recata al maneggio e ha chiamato i militari. Si trattava di un gruppo di giovani qualificatisi come “amanti degli animali, che hanno saputo che ci sono dei cani tenuti in cattive condizioni”.

Leggi anche:  Molestata dal vicino di casa della nonna

I controlli

Sul posto è stato chiamato anche il veterinario dell’Asl, che ha certificato le condizioni non ottimali della struttura, anche se i cani stavano abbastanza bene. Si è comunque deciso per il trasferimento in canile a Vignate. “Dispiace – ha commentato Castiglioni – Avremmo  voluto trovare una soluzione per loro, invece passeranno da una gabbia all’altra”.