Valerio Venturi si è spento ieri, giovedì, all’ospedale di Melzo. Si era distinto per l’impegno politico in paese.

Politico 38enne vinto da una malattia

Valerio Venturi, 38 anni, si è spento ieri, giovedì, all’ospedale di Melzo. Da un paio di anni combatteva contro una malattia, che si è aggravata da Natale. Venturi, di professione giornalista, era consigliere comunale di opposizione, eletto alle ultime Amministrative con la lista Gessate bene comune. E’ stato anche segretario del circolo locale del Partito democratico.

Cordoglio in paese

Non in molti sapevano del male che lo affliggeva, ma in tanti hanno avuto modo di conoscerlo e di apprezzarne la correttezza e lo spirito costruttivo. A dicembre Venturi aveva presentato nel suo paese il suo primo romanzo, “Scheda bianca”. Nonostante le difficoltà, infatti, il giovane ha sempre dato il massimo nella vita personale, professionale, sociale e politica. Lascia la moglie e due figli piccoli. Appena circolata la notizia in molti hanno porto le condoglianze alla famiglia e ricordato il 38enne, che con coraggio e determinazione ha affrontato momenti molto difficili cercando comunque sempre di rendere omaggio alla vita.

Leggi anche:  Atleta disabile derubato mentre cena in pizzeria

Una vita piena di successi

Nella sua carriera ha scritto centinaia di articoli, occupandosi di attualità, cronaca, politica, cultura e spettacoli e lifestyle, e ha intervistato premi Nobel e personaggi di primo piano della cultura e della musica. Per la sua attività giornalistica ha ricevuto diversi riconoscimenti.

Il servizio completo sulla Gazzetta della Martesana e sulla Gazzetta dell’Adda in edicola sabato 10 febbraio.