In molti hanno aderito al progetto “Una scelta in Comune”.

Donatori, cresce il numero

Una città piena di donatori. E’ la conclusione a cui è giunto il Direttivo dell’Aido locale, che si è riunito in assemblea lunedì, a seguito degli ultimi dati: su 116 cassanesi che hanno rinnovato la carta d’identità, infatti, 91 hanno aderito a “Una scelta in Comune” diventando donatori di organi. Dall’1 dicembre in Comune è possibile chiedere il documento in formato digitale e dare o meno il proprio consenso alla donazione.

Soddisfatto il Direttivo dell’Aido

“E’ un risultato incredibile, siamo molti contenti – ha spiegato il presidente Paolo Arrigoni – Tra coloro che non hanno aderito c’è chi è già iscritto all’associazione e l’assenso avrebbe creato un doppione nel sistema informatico. Ringraziamo davvero tutti coloro che hanno creduto nel progetto dall’inizio. In primavera organizzeremo una serata sul tema con medici, personale dell’Amministrazione, dipendenti, soci e amici del sodalizio”.
L’Aido cassanese opera in città dal 1974. Durante l’assemblea è stato ripercorso quanto svolto dall’associazione lo scorso anno. “Oltre al Memorial per Francesco Obinu abbiamo partecipato alla giornata su salute e benessere che si è svolta al centro civico di via Dante – ha concluso Arrigoni – Durante la festa patronale, poi, abbiamo distribuito cento piantine di Anthurium, simbolo del sodalizio, tutte quelle che avevamo a disposizione”.