Nel suo negozio  vendeva marijuana. Ma è stato scoperto dalla Guardia di Finanza, che ha sequestrato due quintali di sostanze stupefacenti.

Nel suo negozio vendeva marijuana

L’operazione è stata condotta dalle Fiamme gialle della Compagnia di Melegnano, che hanno sequestrato due quintali di cannabis per un valore di 1.750.000 euro, denunciando un responsabile alla Procura della Repubblica di Lodi per traffico di sostanze stupefacenti. Alle attività hanno partecipato anche i militari della Tenenza di Roseto degli Abruzzi (Teramo).

A San Giuliano

Le indagini, che hanno riguardato il gestore di un esercizio commerciale situato nel centro di San Giuliano Milanese, sono infatti state avviate grazie ad una segnalazione del Reparto abruzzese.

Nel negozio la filiera della cannabis

All’interno del negozio l’indagato, abusando delle disposizioni volte alla promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa, rendeva disponibile alla propria clientela una varietà di cannabis vietata.  I sopralluoghi e gli appostamenti eseguiti dai militari hanno consentito di accertare sia il consistente flusso di persone che entravano nel negozio per acquistare la sostanza stupefacente sia di individuare, nei paraggi, un magazzino utilizzato come laboratorio per la lavorazione della canapa.

Leggi anche:  Spacciatore arrestato dai carabinieri al parco

Pubblicità su Internet

Il negoziante, infatti, vendeva la marijuana sia allo stato naturale, sia sotto forma di cristalli, resine e pollini (rinvenuti dai Finanzieri a seguito delle perquisizioni),  pubblicizzandone la vendita su Internet

Due casi in Brianza

Proprio in questi giorni due casi simili si sono verificati in Brianza. Ad Arcore sono state ritrovate piantine di marijuana abbandonate per strada, mentre  a Verano Brianza un 63enne è finito nei guai dopo essere stato trovato con una serra “casalinga”.