Minaccia i passanti in stazione con due pistole: disarmato e arrestato. Momenti di paura ieri sera, venerdì, attorno alle 20, nello scalo ferroviario di Sesto San Giovanni: il 29enne ha puntato un’arma anche contro i Carabinieri, che lo hanno bloccato al termine di un lungo inseguimento a piedi.

Minaccia i passanti con una pistola

Diverse le segnalazioni arrivate al 112 da parte dei pendolari che ieri sera si trovavano nella stazione di piazza Primo Maggio. Parlavano di un uomo: in mano una bottiglia di birra. E alla cintura una pistola, che mostrava quando le persone gli si avvicinavano. In pochi istanti, sul posto è intervenuta una gazzella dei Carabinieri del Norm. Al loro arrivo, il 29enne – poi risultato essere una vecchia conoscenza delle Forze dell’ordine, di nazionalità georgiana – si trovava nel mezzanino interrato. Come prima cosa i militari hanno fatto allontanare le persone presenti nello scalo, per sicurezza. Poi si sono messi alle calcagna dell’uomo.

Il 29enne è fuggito a piedi verso via Montegrappa

Quando sulle scale si è imbattuto nei Carabinieri, il 29enne è fuggito in superficie, sulla banchina, uscendo su piazza Primo Maggio e scappando a piedi verso via Montegrappa, in direzione di Cinisello Balsamo. Ed è stato proprio in via Montegrappa che i militari lo hanno raggiunto. Giratosi di scatto, il fuggiasco ha puntato la canna della pistola verso i Carabinieri, che però sono riusciti immediatamente a disarmarlo e ad ammanettarlo.

Dietro la schiena aveva un’altra pistola. Entrambe le armi erano rubate

Fermato, i militari hanno trovato un’altra arma, che il 29enne teneva dietro la schiena, alla cintura. In tutto sono state sequestrate quindi due pistole: una semiautomatica (Glock) e una modello revolver Smith & Wesson, entrambe vere ma prive di munizioni. Sono poi risultate essere state rubate nel 2015 in occasione di un furto in appartamento commesso a Milano.

Leggi anche:  Autobus in fiamme, il Codacons presenta un esposto

Arrestato, è stato spedito in carcere

Il 29enne georgiano (con precedenti per reati contro il patrimonio e rapina) è finito in carcere, a Monza. Deve rispondere di porto abusivo d’arma da fuoco, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo era parecchio “su di giri”, tanto che per lui è stato necessario il trasporto in ospedale, prima del trasferimento nella casa circondariale. Era ubriaco e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Il grazie ai Carabinieri del sindaco

“Ringrazio i carabinieri – commenta Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni – per il pronto intervento con cui hanno bloccato un georgiano, ubriaco, che ha terrorizzato i passanti con una pistola. Ho personalmente chiamato gli uomini dell’Arma per ringraziarli della professionalità ed efficienza, a tutela dei cittadini. E’ un fatto di cronaca che dimostra l’efficacia della pronta reazione delle forze dell’ordine che, ancora una volta, hanno dimostrato le proprie capacità di intervento a Sesto San Giovanni. Questo episodio evidenzia l’utilità di avere un presidio costante del territorio per garantire sicurezza alla città, come stiamo facendo da quando ci siamo insediati garantendo più controlli con la polizia locale e portando una pattuglia dell’esercito in città. Ora auspico che questo delinquente straniero venga immediatamente espulso. Troppi balordi e sbandati, molti dei quali stranieri e irregolari, girano per le strade e per questo spero che, con il cambio di governo, ci siano più azioni a tutela della sicurezza dei cittadini”.