Nei prati di Trezzano Rosa questa settimana la Guardie ecologiche hanno segnalato ai carabinieri merce rubata e un’auto abbandonata finita fuori strada.

Nei prati di Trezzano Rosa la criminalità occulta i suoi affari

Approfittando del fatto che il paese è circondato da campi e che su questi ci sono diverse strade di campagna prive di sbarre per impedire il passaggio ai veicoli non autorizzati, capita sovente di trovarci di tutto. Questa volta le Guardie ecologiche volontarie hanno trovato ben due prove evidenti dell’attività criminale. La prima è un’autovettura, abbandonata lungo la stradina di campagna che collega Trezzano Rosa a Grezzago e che costeggia l’autostrada. I ladri devono aver perso il controllo del veicolo, finito in parte nel campo. E poi hanno anche cercato di rimetterlo in carreggiata, utilizzando, invano, come corda di traino una cintura di sicurezza. Dopodiché, quando hanno visto che non riuscivano nel loro intento si sono allontanati lasciandolo in mezzo ai campi.

Trovato anche un bancale pieno di viti e bulloni

Più in là, sempre sulla stessa stradina, ma quasi al confine con Grezzago è stata trovato invece un bancale. Su questi erano appoggiate piccole scatole di cartone con dentro viti e bulloni. Le Guardie ecologiche volontarie ieri, mercoledì, hanno chiamato i carabinieri della stazione di Vaprio per accertare che fosse merce rubata. I militari hanno stanno cercando di capire da quale magazzino (o camion) sia stata trafugata la merce. Purtroppo non è la prima volta che succede. Finché non verranno messe delle stanghe per impedire l’accesso ai veicoli non autorizzati le strade di campagna del paese e dei Comuni limitrofi episodi di questo genere accadranno sovente.

Leggi anche:  Con le Gev a caccia di discariche abusive nei prati di Trezzano Rosa FOTO

L’articolo completo sul prossimo numero della Gazzetta dell’Adda in edicola da sabato 13 gennaio e nell’edizione digitale.