Omicidio di Cernusco ecco la svolta: il pubblico ministero di Milano Francesco Cajani ha chiesto l’ergastolo per Mario Marcone. Il 52nne era stato arrestato a dicembre con l’accusa di aver ucciso la compagna Gabriella Fabbiano.

Omicidio di Cernusco la richiesta del Pm

“Non si può parlare di gelosia, ma di volontà lucida”. Queste le motivazioni che hanno portato il pm a chiedere la pena massima per Marcone. L’uomo era stato arrestato a dicembre dopo il ritrovamento del cadavere della compagna Gabriella Fabbiano. La donna era stata avvolta nella plastica e gettata in una cava a Cernusco sul Naviglio, dopo essere stata uccisa nell’abitazione dell’uomo a Pioltello (LEGGI L’ARTICOLO).

Nessuna perizia psichiatrica

La difesa di Marcone aveva già provato ad avanzare la richiesta di perizia psichiatrica per il 52enne ottenendo un secco diniego da parte del giudice. Nell’udienza di oggi a Milano l’accusa ha sottolineato la volontà dell’uomo nel commettere l’efferato delitto, mettendo in risalto la “cornice culturale povera e ferocemente misogina” di Marcone.

Leggi anche:  Ciclisti investiti sulla Padana, arriva l'elicottero FOTO

Sei anni per il complice

La richiesta del pm per il presunto complice, Fabrizio Antonazzo, è stata invece di soli 6 anni. All’uomo è stato contestato l’aiuto fornito a Marcone nel disfarsi del corpo della donna gettandolo nella cava.