Una piccola di Groppello ha scritto al sindaco Roberto Maviglia.

“Sindaco, vogliamo il parco giochi”

Una lettera semplice, partita dal cuore di una bimba di 11 anni che vorrebbe vedere l’area verde sotto casa trasformata in parchetto, per poter far giocare anche il fratellino di 16 mesi. E’ quella che è stata protocollata in Comune nei giorni scorsi, indirizzata al sindaco Roberto Maviglia.
La piccola Chiara Ronchi, residente in via don Luigi Penati a Groppello, vive insieme al padre Davide Ronchi e alla sua compagna Alina Rusu con il loro figlio Valerio.

La situazione

“Abitiamo qui dal 2004 e quell’area è identificata come SR2, dove sono ammessi attrezzature sportive, spazi per i giochi e gli spettacoli viaggianti, parchi e giardini – ha spiegato il capofamiglia – A tutti quelli che hanno acquistato casa in questa zona è stato garantito che sarebbe sorto un parchetto e, da quello che sappiamo, il lottizzante ha ceduto l’area al Comune. Non capiamo cosa si aspetti per dare il via ai lavori”.
La compagna Alina, qualche mese fa, aveva provato a contattare il primo cittadino attraverso i social, ma senza avere risposte. Così la piccola Chiara ha pensato di sollecitare il borgomastro con la sua semplicità di bimba che vuol solamente essere libera di giocare. E si è fatta portavoce degli interessi di altri amici in giovane età e delle famiglie residenti.

Leggi anche:  Investito e in prognosi riservata, guidatore denunciato

IL SERVIZIO COMPLETO SULLA GAZZETTA DELL’ADDA IN EDICOLA DA SABATO 10 MARZO