Uno stalker seriale evaso per due volte dagli arresti domiciliari è stato finalmente arrestato dai carabinieri. Si era nascosto a San Maurizio al Lambro.

Stalker seriale evaso preso dai carabinieri

Sabato sera i militari della Tenenza di Cologno hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nel dicembre 2017 dal Tribunale di Messina, nei confronti di un 42enne italiano, ritenuto responsabile di evasione.

Il primo episodio

Il 26 aprile   le Iene avevano mandato in onda un servizio relativo al racconto di 2 vittime di stalking e violenze da parte dell’uomo. Quest’ultimo, dopo aver intrapreso una relazione con una 35enne, aveva iniziato a commettere atti persecutori nei confronti della donna, venendo sottoposto, nel giugno 2015, alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in Sicilia. Ma l’uomo ha più volte disatteso alla misura cautelare: il giudice aveva quindi deciso prima per i domiciliari e poi per il carcere.

Una seconda volta

Tornato ai domiciliari, l’uomo ha intrapreso una nuova relazione con una 46enne, perpetrando anche in questo caso violenze e stalking, per i quali è finito nuovamente ai domiciliari, dai quali è evaso nel novembre 2017, facendo perdere le proprie tracce.

Leggi anche:  Rievocazione militare a Cologno Monzese Questa volta si fa

Identificato in televisione

Dopo la visione del servizio, alcuni residenti della zona di  San Maurizio al Lambro di Cologno Monzese, hanno segnalato ai carabinieri la presenza dell’uomo che, con appositi servizi di osservazione discreta, è stato individuato è tratto in arresto. Gli accertamenti condotti hanno consentito di determinare che il 42enne era giunto da qualche tempo a Cologno Monzese, luogo di residenza di una nuova compagna, nei confronti della quale non aveva tuttavia manifestato comportamenti violenti.

Le condanne precedenti e l’arresto

Nel 2016 l’uomo era stato condannato a 2 anni e 2 mesi di reclusione per stalking relativamente ai fatti inerenti la prima relazione, mentre nel dicembre scorso era stato condannato in primo grado a 8 anni per stalking, violenza sessuale e lesioni relativamente ai fatti inerenti la seconda relazione. Dopo l’arresto, l’uomo è stato condotto presso il carcere di Monza, dove rimane a disposizione dell’Autorità giudiziaria.