Traffico carburante. La Guardia di Finanza ha scoperto una maxi frode in odore di camorra.

Traffico carburante scoperta frode in odore di camorra

A partire da stamattina, nell’ambito dell’operazione “Free Fuel”, i finanzieri del Comando Provinciale di Brescia, coordinati Procura della Repubblica locale, stanno eseguendo 7 custodie cautelari in carcere e 2 misure interdittive in diverse Province italiane. L’azione degli operanti è rivolta ad un’associazione a delinquere rea di aver messo in atto una maxi frode fiscale nel settore dei carburanti: un traffico di 16 milioni di litri di gasolio e benzina “fiscalmente inquinati” per oltre 65 milioni di euro. Il tutto consentiva un maggior margine di guadagno agli esercenti dei distributori stradali. Inoltre sono stati evidenziati legami con camorra, di cui il traffico faceva gli interessi.

I dettagli dell’operazione

I dettagli dell’operazione saranno illustrati oggi, 10 gennaio, alle ore 10.30, nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la Procura della Repubblica di Brescia, via Lattanzio Gambara 40.

Leggi anche:  Sicurezza sui mezzi pubblici arrivano le telecamere

Aggiornamenti su bresciasettegiorni.it