AGGIORNAMENTO DELLE 9.54

Non volevano restituire ad Andrea La Rosa un prestito in denaro e così lo avrebbero prima sgozzato e poi sciolto nell’acido.  Di questo sono accusati Raffaele Rullo e sua madre Antonietta Biancaniello, fermati ieri sera dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano su disposizione della Procura Milanese, per omicidio e soppressione di cadavere. Attirato l’amico a casa sua con la scusa di presentargli la madre, Rullo avrebbe poi ucciso La Rosa tagliandogli la gola in cantina, con la complicità di sua madre. I due avrebbero poi acquistato acido per sciogliere il cadavere, riuscendoci solo parzialmente.

AGGIORNAMENTO DELLE 9.30

Sono Antonietta Biancaniello e il figlio Raffaele Rullo le persone fermate per l’omicidio di Andrea La Rosa. I due sono residenti a Quarto Oggiaro e, secondo quanto trapela, avevano deciso di sciogliere nell’acido il cadavere del ds. A bordo dell’auto sono stati ritrovati dei flaconi di acido per completare l’opera.

AGGIORNAMENTO DELLE 7.14

A notte inoltrata i carabinieri hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dal pm le due persone, un uomo e una donna, fermate sulla Milano -Meda ieri pomeriggio. Sono ritenute responsabili in concorso dell’omicidio e della soppressione del cadavere di Andrea La Rosa. Ulteriori aggiornamenti nel corso della mattinata.

AGGIORNAMENTO DELLE 23.13

Il Brugherio ha ricordato La Rosa con un semplice, ma sentito, messaggio. “Buon viaggio amico mio”, è la frase pubblicata sulla pagina facebook della società, accompagnata da una foto del 35enne, entrato in carica come ds a inizio stagione.

Trovato morto Andrea La Rosa il ds del Brugherio: omicidioAGGIORNAMENTO DELLE 20.43

E’ iniziato da poco più di cinque minuti il Consiglio comunale di Brugherio. In apertura non è stato fatto alcun accenno alla notizia che in queste ore ha sconvolto la città. Intanto l’Ac Brugherio si è chiuso in un commosso silenzio. Tutti, dal presidente ai giocatori, passando per la dirigenza, sono sotto shock. Nessuna voglia di parlare, solo tante lacrime e un pensiero all’amico che se ne è andato.

AGGIORNAMENTO DELLE 20.32

La scientifica è al lavoro per trovare sul cadavere dell’uomo (trovato integro, non legato e in parte svestito) e nell’auto degli indizi. Sono ancora molti i misteri intorno a questo caso, ma le due persone sotto interrogatorio potrebbero rispondere a molte domande che gli inquirenti si pongono da giorni.

AGGIORNAMENTO DELLE 20.19

I carabinieri hanno fermato la donna all’altezza di Varedo. Secondo quanto trapela in questi concitati minuti i militari erano sulle sue tracce e l’hanno vista trasportare il cadavere di La Rosa da un’auto a un’altra con l’ausilio di un’uomo. Sia quest’ultimo sia la misteriosa signora sono sotto interrogatorio in questo momento.

AGGIORNAMENTO DELLE 20.05

E’ stata disposta l’autopsia sul cadavere di La Rosa. Intanto i carabinieri stanno ancora cercando il telefono e l’auto dell’uomo. Fin da subito era stata aperta un’inchiesta in cui si parlava di omicidio. Seguono aggiornamenti.

AGGIORNAMENTO DELLE 19.48

Il controllo effettuato sulla Milano-Meda non è stato casuale. I carabinieri avevano stretto il cerchio delle indagini intorno alla persona fermata. Il corpo esanime del ds è stato trovato all’interno di un bidone occultato nella macchina.

Leggi anche:  Incendio a scuola a Cernusco: misteriose le cause del rogo

AGGIORNAMENTO DELLE 19.30

Secondo la prima ricostruzione alla guida dell’auto ci sarebbe stata una donna, che durante il tragitto avrebbe caricato un’altro uomo. I carabinieri stanno interrogando i due nella sede del comando provinciale di Milano, in via Moscova. Non sarebbero stati ancora né arrestati né denunciati.

AGGIORNAMENTO DELLE 19.16

Il cadavere è stato trovato dai carabinieri della compagnia di Desio. I militari nel tardo pomeriggio hanno fermato un’auto sulla Milano-Meda e l’hanno fatta accostare. Durante il controllo nel baule hanno trovato il corpo senza vita di La Rosa. Sono in corso degli accertamenti su due persone per valutare il loro coinvolgimento nella morte dell’uomo. Si tratterebbe infatti di un omicidio.

LA NOTIZIA E’ ARRIVATA ALLE 18.50

Il tragico epilogo, che ha messo fine a settimane di misteri, è arrivato nel pomeriggio di oggi, giovedì. La Rosa è stato trovato morto. Il direttore sportivo dell’Ac Brugherio scomparso il 16 novembre. Era alla presentazione del nuovo mister nella sede della società, nel centro sportivo comunale di via San Giovanni Bosco, poi si erano perse le sue tracce. Aveva militato in serie C e una volta terminata la s carriera di giocatore era rimasto nel mondo del calcio come dirigente. Lavorava nella pubblicità e nel marketing. Il cadavere è stato trovato poco fa.

LA SCOMPARSA 

Il 16 novembre era scomparso nel nulla Andrea La Rosa, il direttore sportivo del Brugherio. Non solo la famiglia e la società, dove è arrivato a inizio stagione, erano preoccupati. Il suo era un nome noto in tutti campi da calcio dall’Eccellenza in giù della zona: fino allo scorso anno ha fatto parte della dirigenza del Desio e in precedenza ha operato alla Cinisellese.

LE INDAGINI

La famiglia aveva sporto denuncia presso la caserma dei carabinieri di Segrate. Erano partite le indagini e i militari avevano passato sotto la lente d’ingrandimento i suoi mille contatti nel mondo della pubblicità e della borsa. Gli inquirenti hanno lavorato per settimane sotto traccia, raccogliendo informazioni e testimonianze. Secondo quanto raccolto dagli inquirenti La Rosa gestiva anche ingenti somme di denaro. Da subito hanno seguito con convinzione la pista degli affari.

Il MISTERO

Aveva regolarmente presenziato alla presentazione del nuovo allenatore della prima squadra, Marco El Sheikh. Poi si erano completamente perse le sue tracce. Secondo quanto raccontato dalle persone a lui vicino la sera della sua scomparsa doveva incontrare, intorno alle 23, dei conoscenti. Da quel momento non si è più saputo nulla di lui.