I militari della Compagnia di Saronno impegnati tutta la notte e durante la mattinata.

Controllo straordinario con l’aiuto di Denver

I cararabinieri della Compagnia di Saronno al lavoro per un controllo straordinario del territorio cittadino. Tra la decorsa nottata e la mattinata odierna, i militari, al comando del capitano Pietro Laghezza, hanno eseguito una serie di controlli in città, con l’ausilio dei colleghi del Nucleo Cinofili di Casatenovo. Numerose sono state le persone identificate e sottoposte al vaglio dell’olfatto di Denver, un pastore tedesco di cinque anni.

Pattuglie in stazione

Al setaccio la stazione ferroviaria, alcune vie della città e un paio di appartamenti dai quali si notava un andirivieni di giovani, prettamente stranieri, che destavano sospetti. In campo alcune pattuglie del Radiomobile e della Stazione di Saronno, con l’ausilio della Tenenza di Tradate, delle Stazioni di Gorla Minore e Caronno Pertusella, oltre appunto all’unità cinofila.

Due denunce per guide in stato d’ebbrezza

Durante l’attività sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza alcolica due equadoregni, uno di 54 anni e uno di 27 anni, residenti rispettivamente in Cologno Monzese e in Saronno, e un terzo soggetto 25enne, italiano residente in Uboldo. I tre sono sati controllati mentre erano alla guida dei rispettivi veicoli ben oltre il limite consentito.

Leggi anche:  Montagna di droga su Tir nel Comasco: dov’era diretta?

Un arresto a Venegono Inferiore

I carabinieri della Tenenza di Tradate hanno arrestato su ordine di carcerazione un 57enne, residente a Venegono Inferiore, che doveva scontare un cumulo di pene a seguito di condanne per spaccio di sostanze stupefacenti. I controlli si sono estesi con perquisizioni e ispezioni di luoghi in cui nei giorni passati si era notato qualche movimento sospetto. In particolare all’interno di un appartamento sito in una centralissima via della cittadina sono stati trovati cinque extracomunitari, di cui quattro tunisini irregolari, rispettivamente di 23, 26, 37 e 46 anni, che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio per violazione della normativa sull’immigrazione clandestina.