Gli amici del presepe di Cernusco da 30 anni espongono al santuario Santa Maria. Anche quest’anno circa 4mila persone hanno visitato la mostra: la storia.

Amici del presepe da 30 anni

Gli amici del presepe di Cernusco da 30 anni espongono al santuario Santa Maria. Anche quest’anno circa 4mila persone hanno visitato la mostra. Le prime esposizioni in città risalgono agli anni Sessanta, ma nel 1988 don Paolo Comi, studioso della storica chiesetta cernuschese, propose agli affezionati volontari di esporre proprio qui la mostra. Da quel momento è diventato un appuntamento fisso del periodo natalizio.

Un appuntamento fisso e visitato

L’esposizione è stata aperta la vigilia di Natale e sarà possibile visitarla fino all’epifania. E’ composta dai presepi realizzati da artisti e artigiani, non solo cernuschesi. Ci sono alcuni espositori storici, mentre la maggior parte cambiano di anno in anno. Ogni giorno, compresi quelli di festa, centinaia di persone passano per ammirare le opere, alcune fedeli alla tradizione, altre più moderne, ambientate ai nostri tempi. Un bell’esempio da seguire, soprattutto per i vandali che settimana scorsa hanno gambizzato la statua di Gesù Bambino in piazza Gavazzi (LEGGI QUI).

Leggi anche:  Trezzo celebra il quarto di secolo della Università del tempo libero Castello visconteo

Una passione che continua

Giulio Raimondi, Giancarlo Sala, Silvio Pizzi ed Enrico Sironi sono i responsabili della mostra e ogni giorno è possibile trovarli nel santuario. Si fermano a parlare con i visitatori e tra i tanti complimenti che ricevono prendono anche qualche spunto per l’esposizione dell’anno successivo. “E’ una tradizione che vogliamo portare avanti – hanno spiegato -. E’ un lavoro che porta dei frutti, la gente è interessata. Ogni anno rinnoviamo le installazioni, le opere che ci sono qui poi vengono portate in altre parrocchie. Alcuni presepi sono ambientati anche a Cernusco”.