A inizio anno il Comune di Cologno Monzese aveva indetto un primo bando per sovvenzionare cinque progetti in ambito sociale, culturale e sportivo con priorità per quelli mai sviluppati e destinati a bambini, anziani e persone diversamente abili. Con un budget stanziato di 2500 euro. Ora arrivano i contributi.

Cologno contributi ai progetti sociali, culturali e sportivi

Cinque gli interventi finanziati. Di seguito le specifiche

– Progetto “Combattere ad armi pari” dell’associazione sportiva Taekwondo Cologno ASD che aveva previsto la realizzazione di un corso sportivo dedicato esclusivamente a dieci ragazzi dai quattro ai diciotto anni diversamente abili senza nessun costo per le famiglie.

– “Campionato Italiano Outdoor di Para Archery” organizzato dalla associazione arcieri Cologno presso il campo sportivo comunale di Viale Campania per la prima volta in Lombardia, che ha visto confrontarsi in due giorni circa cento atleti disabili.

– Progetto “NINNA NA-RRA” dell’associazione ProLoco in collaborazione con la Casa Famiglia Monsignor Carlo Testa di Cologno Monzese destinata alle classi terze delle primarie. Il progetto prevedeva la riscoperta di tre luoghi colognesi di interesse storco culturale (Villa Casati, Chiesa antica di Piazza XI Febbraio e il Parco delle Cave) tramite la narrazione, la visita sul posto di anziani e bambini e laboratori artistici.

Leggi anche:  Assemblea pubblica rovente a Cologno: intervengono anche i vigili

– Progetto “Gli Alberi del canto” dell’associazione musicale Monteverdi per i bambini delle scuole primarie con l’obbiettivo di farli avvicinare alla pratica del canto corale e con essa alla conoscenza del patrimonio culturale italiano e lombardo.

– Progetto “Alimentiamo” dell’associazione Auser Insieme Volontariato Sociale con lo scopo di informare le persone anziane sulle modalità di alimentazione più adeguate per avere una migliore qualità di vita.

“Associazioni elemento fondamentale”

“In una situazione nella quale le criticità sono molte e spesso le risorse pubbliche sono insufficienti, la sussidiarietà delle nostre associazioni diventa un complemento fondamentale della attività del Comune – ha commentato il sindaco Angelo Rocchi – Giusto, quindi, assegnare risorse a chi si spende per la propria comunità”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI