Quest’anno l’esposizione spegne trenta candeline.

Presepi unici nell’ex chiesa

La mostra di presepi di Groppello, a Cassano d’Adda, spegne trenta candeline e festeggia con un regalo speciale, il patrocinio della Regione. Ha aperto i battenti domenica la tradizionale rassegna dedicata alle Natività e anche quest’anno i numeri sono eccezionali. Soddisfatti gli organizzatori dell’Associazione italiana amici del presepio (Aiap), in primis il presidente Giuseppe Motta, 66 anni, cassanese doc. Anche una delle sue opere è esposta nell’ex chiesa Maria Nascente e ci rimarrà sino al 7 gennaio insieme a quella del vice Ambrogio Crema e ad altre 50 provenienti da tutto il Nord Italia e non solo.

Numeri da capogiro

“In tre decadi abbiamo esposto circa 1.550 presepi di trecento autori unici – ha spiegato Motta – Ogni anno ne proponiamo di nuovi in modo che i visitatori abbiano sempre Natività diverse da osservare. In due vetrine dedicate abbiamo anche alcune opere etniche realizzate con vari materiali come piombo, legno e ceramica che arrivano da diverse parti del mondo”.

Leggi anche:  Lezione concerto a Trezzo sulla canzone d'autore italiana degli anni Settanta

Mostra aperta anche a Natale

Ci sono voluti due mesi di lavoro per allestire la mostra, curando ogni dettaglio tra cui l’illuminazione e il percorso da seguire. I simpatizzanti dell’associazione, tra cui Gigino Bocchino, 64enne pensionato, hanno dato una mano. E’ possibile visitare l’esposizione dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.30 nei giorni festivi, dalle 15 alle 17.30 in quelli feriali dal 27 dicembre al 5 gennaio, sabato dalle 15.30 alle 18.30, a Natale dalle 16 alle 18.30 e a Capodanno dalle 15 alle 18.30.