A soli 38 anni Fabio Pirola è una star in Russia. Dirige la «Concord orchestra» e le sue tournée riempiono gli stadi.

Dalla Torre viscontea al Palazzo d’inverno in Russia a San Pietroburgo

Ha messo il violino in valigia e ha lasciato Trezzo e l’Italia, patria della musica classica, per girare il mondo e trovare fortuna in Russia a San Pietroburgo. E’ infatti diventato direttore di una singolare orchestra, capace di miscelare sapientemente le melodie sinfoniche a quelle rock in grado di riempire anche stadi da 12mila spettatori. Il cervello in fuga della musica classica è nato il 29 novembre del 1979 sulle rive dell’Adda e si chiama Fabio Pirola. E’ un trezzese doc, la sua famiglia vive ancora in città, dove lui è cresciuto e ha frequentato le scuole dell’obbligo.

La sua storia sul numero della Gazzetta dell’Adda in edicola e nell’edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e pc