Mercato del lavoro in Lombardia | Fontana: “Massimo impegno sul fronte occupazione. Saranno incrementate le misure di sostegno anche per l’occupazione femminile”. Lo ha detto il Presidente Attilio Fontana al Congresso UIL di Milano e Provincia.

Mercato del lavoro in Lombardia

“In Lombardia sono state introdotte e saranno incrementate misure di sostegno a tutti coloro che si trovano in condizioni di fragilità, perchè – da cittadino e da presidente – ritengo un valore fondamentale la tutela della dignità delle persone”. E’ quanto ha dichiarato ieri Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, intervenendo al Congresso della UIL di Milano e provincia “Contro le disuguaglianze. Parità di opportunità e la qualità del lavoro”.

Raggiunti standard pre-crisi

“La Lombardia – ha aggiunto Fontana – ha visto diminuire negli ultimi 5 anni il suo livello di disoccupazione, tornato agli standard pre-crisi. Il dato più importante è però il trend di crescita costante dell’occupazione che nella nostra regione è passato dal 69,3% del 2013, al 69,5% del 2014, fino al 69,8% del 2015 e il 71,1% del 2016” – ha aggiunto Fontana.

LEGGI QUI L’ANDAMENTO DELLE IMPRESE LOMBARDE NEL PRIMO TRIMESTRE 2018

Leggi anche:  Anselmo Galbusera (FERA): una storia di successo. Intervista all'imprenditore

Affrontando specificatamente uno dei temi caratterizzanti del Congresso, ovvero la disuguaglianza tra uomini e donne, il presidente Fontana ha aggiunto: “La nostra Regione puo’ vantare i tassi di occupazione femminile più alti della Penisola, anche questi in crescita”.  Rispetto al dato nazionale, la Lombardia fa registrare infatti un tasso che nella fascia d’età 15-64 anni si attesta al 58,1%, rispetto alla media nazionale del 48,1%.

La metà delle donne manager lavora in Lombardia

“Ma c’è di più – ha sottolineato Fontana – cresce tra le donne il lavoro di qualità, se è vero, come riferisce un recente studio di ‘Manager Italia’, che la metà delle manager donne italiane lavora in Lombardia”.

Dati positivi che occorre supportare. Per questo Fontana ha voluto sottolineare come per lui: “Famiglia e lavoro siano valori non alternativi. Sono quindi allo studio
nuove misure e nuovi incentivi all’occupazione e all’imprenditorialità, soprattutto femminile”.