Ospedale Vaprio, dopo il taglio del nastro del Centro unico prelievi, l’assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera oggi, giovedì, ha inaugurato il reparto di chirurgia e due sale operatorie.

Ospedale Vaprio taglio del nastro alla presenza delle autorità

Insieme a Gallera erano presenti Mario Alparone,  direttore generale di Asst Martesana, il direttore di Ats Lombardia Marco Bosio e una delegazione politica. A fare da anfitrione l’assessore ai Servizi sociali, nonché vicesindaco di Vaprio d’Adda, Eugenio Galbiati. Durante la visita il gruppo, dopo aver tagliato il nastro inaugurale, ha visitato i nuovi reparti e i macchinari in dotazione.

I lavori fanno parte del processo di riqualificazione dell’ospedale

I nuovi reparti sono stati finanziati grazie all’imponente contributo regionale da circa 4 milioni e 300 mila euro. Servirà per riqualificare il vecchio nosocomio trasformandolo in un Presidio ospedaliero territoriale (Pot). E sarà specializzato nei servizi legati ai pazienti cronici e quindi, in prevalenza anziani. “Stiamo rispettando il cronoprogramma dei lavori – ha commentato il direttore di Asst Alparone – Il prossimo passaggio sarà la realizzazione dei poliambulatori”.

Leggi anche:  A Vaprio l'ombra della 'ndrangheta

I politici sono soddisfatti

“La Regione sta mantenendo il suo impegno con la cittadinanza e gli operatori del Crotta Oltrocchi”, ha, invece, dichiarato l’assessore Giulio Gallera.  E alle sue parole hanno fatto eco quelle del vicesindaco Galbiati. “Le istituzioni hanno dialogato efficacemente fra loro e questo è il risultato – ha detto – E sono inoltre convinto che questa struttura nel tempo potrà diventare sempre più importante per il territorio”.