Dalla Martesana a Roma. E’ questo il percorso che potrà fare Nicolas Gallizzi che sarà candidato al Parlamento nelle fila di Alternativa popolare.

Un lungo curriculum

Classe ‘55, medico Gallizzi può vantare un lungo curriculum attraverso il Psi craxiano prima, Forza Italia poi e, infine, Alternativa popolare. Sposato e con due figli, è anche membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Policlinico di Milan. Impegnato nel sociale,  sarà in Kenya nelle prossime settimane, per distribuire generi alimentari nei villaggi cristiani.

Accordo all’interno del Ppe

La candidatura è arrivata al termine di una serie di incontri politici a livello regionale e nazionale. “E’ emerso che una parte di Ap è propensa ad andare con il centrosinistra mentre i referenti della Lombardia puntano ad allearsi con il centrodestra” – ha osservato Gallizzi che auspica un accordo con il centrodestra. Ap e Forza Italia, infatti appartengono entrambi al Ppe. “In caso non si dovesse trovare un accordo siamo pronti ad andare da soli”.

Leggi anche:  Il sindaco toglie le deleghe al vice per la terza volta

Ha tranquillizzato i pazienti

Gallizzi ha poi tenuto a tranquillizzare i suoi pazienti che, anche in caso di elezione, non lascerà soli. “I lavori della Camera si svolgono dal martedì al giovedì e quindi io sarei disponibile in ambulatorio negli altri giorni, sabato compreso – ha spiegato – Ovviamente sceglierò anche un collega che mi sostituisca quando impegnato in Parlamento”. Chi ci “rimetterebbe” con la sua elezione alla Camera sarebbe invece il Consiglio di Pozzo dove il medico è presente in qualità di capogruppo di “Noi per” nei banchi dell’opposizione.
“Farei un passo indietro – ha commentato – Lasciando l’incarico a qualcun altro”.

Il servizio completo sulla Gazzetta dell’Adda in edicola e in VERSIONE SFOGLIABILE WEB per pc, smartphone e tablet da sabato 2 dicembre