Elezioni Capriate. Sono tre i gruppi al lavoro per cercare le giuste soluzioni in vista del voto. Sono queste, per il momento, le certezze a meno di sei mesi dalla consultazione elettorale cittadina.

Elezioni Capriate tre squadre e un forfait

Chi non si sosterrà l’esame delle urne sarà il M5s che non presenterà una sua lista mentre i tre gruppi che attualmente siedono in Consiglio si stanno dando da fare per formare la squadra dei candidati. “Alle elezioni ci saremo e attualmente stiamo lavorando sul gruppo», ha confermato il segretario cittadino della Lega Teresa Carnevali. Della partita dovrebbe essere anche il gruppo di «Con Dorici». “L’intenzione c’è ma non a tutti i costi – ha spiegato l’ex primo cittadino Mauro Dorici – Ora si tratta di trovare persone giuste che possano formare una squadra e che possano far bene».

Una sola comunità continuerà l’esperienza

All’esame del voto ci sarà anche il gruppo dell’attuale maggioranza anche se il sindaco uscente Valeria Radaelli non ha ancora sciolto le riserve circa una sua ricandidatura. “Il gruppo di Una sola comunità, sicuramente proseguirà anche per portare avanti quello che abbiamo iniziato – ha osservato – non c’è ancora stato un incontro fra di noi e nelle prossime settimane ci guarderemo per vedere chi se la sente e ha il tempo e la serenità necessaria per andare avanti».

Leggi anche:  Giulio Gallera si ricandida in Consiglio regionale

“Cinque anni belli e intensi”

Radaelli ha poi parlato della sua esperienza amministrativa. «Sono stati cinque anni di lavoro, molto belli ma intensi. Spesso la gente non ha la percezione di tutto il lavoro che c’è dietro all’attività amministrativa e sicuramente mio marito fa il tifo perché non mi ricandidi». Il primo cittadino ha spiegato come la vicenda della fabbrica di Crespi abbia assorbito molte energie dell’Amministrazione. «Probabilmente ci ha anche distolto da altre cose ma è una questione che non poteva non essere seguita. Credo che sia necessario programmare e decidere cosa si vuol fare del territorio dell’Isola per i prossimi dieci anni e ritengo fondamentale un approccio a livello sovracomunale che vada al di là dei colori e della durata dei nostri mandati”.