Elezioni Lombardia 2018: il candidato che ha preso il posto di Maroni al mercato di Cologno.

Elezioni Lombardia 2018 a Cologno la prima uscita di Fontana

Elezioni Lombardia 2018: prima uscita pubblica di Attilio Fontana

Attilio Fontana, ex sindaco di Varese e da due giorni candidato per il centrodestra a mantenere la poltrona oggi di Roberto Maroni, è arrivato questa mattina a Cologno monzese. Si tratta della prima uscita pubblica fra la gente del nuovo frontman scelto dalla Lega e accettato anche da Berlusconi e dagli altri alleati.

Al mercato settimanale

Sbarbato (come sembra abbia richiesto il Cavaliere), pimpante, l’esponente lumbard ha dispensato sorrisi fra i potenziali elettori di San Maurizio al Lambro, facendosi conoscere. Dovrà mettercela tutta, infatti, per farsi conoscere anche al grande pubblico rispetto allo sfidante, il mediatico aspirante governatore democratico Giorgio Gori.

Molti sostenitori per il “sindaco-presidente”

Un giro del mercato, strette di mano con gli ambulant. Tra i presenti a seguire il candidato presidente regionale, anche l’europarlamentare leghista Angelo Ciocca.

Elezioni Lombardia 2018 a Cologno la prima uscita pubblica di Fontana

Ma in prima fila naturalmente anche il sindaco leghista Angelo Rocchi, il segretario di partito Adda-Martesana Riccardo Pase, l’assessore Dania Perego e l’onorevole di zona Marco Rondini. Poi anche l’onorevole Righini, il consigliere regionale Antonio Saggese, il sindaco Danilo Villa di Trezzo e il sindaco di Opera Ettore Fusco. Con Rocchi il candidato ha parlato di biglietto unico dell’Atm,  del fatto che nella Città metropolitana il sindaco non venga eletto e anche di sicurezza e rilancio delle periferie.

Leggi anche:  Campagna elettorale rovente a Bellinzago

Polemica vaccini: Fontana “interpreta” Salvini

“Salvini non esclude la necessità dei vaccini, ma che ci sia una maggior condivisione da parte della gente: deve capire che sono necessari, non essere costretta”

Così infine il candidato sulla polemica di ieri fra il segretario della Lega Matteo Salvini e il senatore azzurro Paolo Romani.