Bellinzago, il sindaco Angela Comelli si schiera contro l’accordo Ceta e il leader della Lega Nord Antonio Imperatore si dice, per una volta, d’accordo con lei.

Contro il patto per difendere i prodotti locali

Il Ceta è un accordo economico-commerciale tra il Canada e l’Unione Europea, ma non ancora ratificato dall’Italia. “Non possiamo che condividere la presa di posizione della Giunta contro il Ceta, un patto che rischia di penalizzare la produzione agricola e gli allevamenti non solo di Bellinzago, ma dell’Italia e dell’Europa intera”, ha osservato Imperatore. Il leader leghista ha anche sottolineato il ruolo del suo partito nel Parlamento europeo.  “La Lega Nord, nel Parlamento europeo, si è battuta a lungo contro questo accordo e ha votato compatta contro questa risoluzione”, ha osservato.

Non dimentichiamo il Ttip

Ma non ci solo rose e fiori nelle parole di Imperatore. “Siamo d’accordo con lo scagliarsi contro il Ceta, ma abbiamo forse dimenticato il suo fratello maggiore, il Ttip, il trattato di libero scambio fra l’Unione Europea e la ben più minacciosa controparte che si chiama Stati Uniti d’America? – ha aggiunto – Forse perché quest’ultimo è stato fortemente voluto dal signore che, dopo avere incassato il premio Nobel, ha portato il mondo intero sull’orlo della guerra mondiale (Barack Obamandr)? Oltre che naturalmente dalla comare che aspirava a succedergli per una evidente rivalsa patologico-sessuale contro il marito ex presidente (Hillary Clintonndr)? Idoli e totem per otto anni di tutta la sinistra, non solo italiana ma anche mondiale? E non è vero che il Ttip è stato bloccato dal brutto e cattivo Donald Trump?».

Leggi anche:  Elezioni Regionali Lombardia Maurizio Lupi lancia la sua candidatura

Attaccheremo militarmente il Canada?

Il leader del Carroccio ha sottolineato come il Ceta sia stato approvato a Bruxelles, con i voti determinanti di 31 europarlamentari del Pd.
“Il partito che governa dietro le quinte la sua Giunta – ha osservato – Così come aveva fatto con l’Esecutivo del sindaco Carpanzano”.  Un altro punto messo in luce da Imperatore riguarda l’effettiva portata del documento della Giunta. “Ci chiediamo come una delibera del Comune di Bellinzago, 3.878 abitanti, potrà influire sulla Commissione Europea e sul Governo canadese… – ha osservato – Dedicheranno una sessione a discutere la mozione di Bellinzago Lombardo? Oppure il primo cittadino andrà a Bruxelles a incatenarsi ai portoni del Parlamento Europeo per protesta? Oppure attaccherà militarmente il Canada?  Beh, in quest’ultimo caso le possiamo mettere a disposizione tutta la mia esperienza di Ufficiale Paracadutista della Riserva, tuttora in addestramento nonostante la non più verde età… Per concludere il sindaco, lasci stare i grandi temi di politica internazionale e pensi piuttosto ai suoi concittadini che si sentono abbandonati e, ci scusi, anche un po’ presi in giro. Dia una risposta ai problemi concreti se ci riesce, le elezioni sono dietro l’angolo”.

Il servizio completo sulla Gazzetta dell’Adda in edicola e in VERSIONE SFOGLIABILE WEB per pc, smartphone e tablet da sabato 18 novembre