Più vigilanza per le strade. Questa la richiesta avanzata da Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale che, stamattina, sabato, ha organizzato un banchetto in piazza De Gasperi a Gorgonzola. Un luogo non casuale visto che più volte è stato teatro di disordini.

Solidarietà ai carabinieri

In piazza, con il coordinatore cittadino Pietro Ventola c’era anche Riccardo De Corato, capogruppo in Consiglio regionale di FdI. I rappresentanti di An hanno organizzato un banchetto con esposto un grande striscione: “Tutta la nostra solidarietà ai militari dell’Arma dei carabinieri”. Il riferimento è all’episodio capitato a inizio settimana (LEGGI L’ARTICOLO)  dove due carabinieri sono rimasti coinvolti in una colluttazione con altrettanti aggressori.

“Pene più severe, qui si sentono impuniti”

Non c’è andato leggero De Corato che ha attaccato direttamente la Magistratura e lo Stato. “E’ inaccettabile che i nostri carabinieri che mettono a rischio la loro vita per 1.200 euro al mese finiscano all’ospedale e gli aggressori la passino liscia – ha attaccato il consigliere regionale – Vengono dai Paesi dell’Est perché lo sanno che qui da noi i magistrati non li puniscono. Se commettono un reato qualsiasi al loro paese finiscono in carcere e buttano la chiave”.

Leggi anche:  La Carta d'identità elettronica arriva a Gorgonzola

A Gorgonzola vogliono più vigilanza

Ma cosa fare per combattere la delinquenza? Fratelli d’Italia una soluzione de l’avrebbe, almeno per Gorgonzola. Così Ventola non ha esitato a parlare a nome della coalizione di centrodestra con cui, nei prossimi mesi, si giocherà le carte per la poltrona di sindaco (LEGGI L’ARTICOLO). “Abbiamo chiesto al sindaco Angelo Stucchi di utilizzare lo strumento del Daspo urbano come sta succedendo a Sesto San Giovanni – ha spiegato – Se dovessimo vincere noi le elezioni non esiteremmo a chiedere alla Polizia Locale di impegnarsi più sulla sicurezza e meno sul fare le multe ai cittadini. Inoltre possiamo avvalerci dell’Associazione Nazionale Carabinieri. I loro volontari potranno fare presidio nei mercati, nei nostri cimiteri e nelle piazze”.