Rievocazione militare, Franco Riceputi, esponente di Cologno Monzese di Fratelli d’Italia, ha denunciato di essere stato aggredito domenica davanti a Villa Casati.

Rievocazione militare

Domenica pomeriggio infatti, si è tenuta la manifestazione organizzata da Rete antifascista contro il campo militare allestito davanti al Comune. Quando i figuranti hanno smontato le tende e se ne sono andati, il corteo si è spostato da piazza XI Febbraio a Villa Casati.

La visita dell’esponente di Fdi

In quel contesto si è presentato Riceputi. Aveva una maglietta bianca con una striscia tricolore e uno «scudetto» di Fdi-An. Qualcuno che lo seguiva era evidentemente munito di una telecamera nascosta.«Mi hanno dato del provocatore – ha sostenuto il referente del partito di Giorgia Meloni – Ma non è così”.

“Non erano questi gli accordi”

“Io ero andato solo per dire ai responsabili che non erano quelli gli accordi –  ha proseguito – Avevo partecipato alle trattative in aprile: noi posticipavamo la rievocazione storica e loro si impegnavano a non organizzare una manifestazione come quella. Lo si era stabilito davanti al comandante della Tenenza dei carabinieri. Loro non sono stati ai patti, non sono io che ho fatto il provocatore. Per tutta risposta mi hanno aggredito”.

“Erano dei nostalgici”

Ma un’accusa analoga viene dagli antifascisti che hanno diffuso un video dove si vede un comandate tedesco dare ordini in lingua a un gruppo di soldati. “Questo secondo l’assessora sarebbe un laboratorio didattico? – hanno protestato – Hanno fatto tornare i tedeschi a Villa Casati. Quelli che hanno deportato in Germania 9 colognesi, che non sono più tornati. Erano semplici appassionati di rievocazioni?”.

Leggi anche:  Rievocazione militare a Cologno Monzese smontato il campo restano le polemiche

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO