Veicoli elettrici le nuove case dovranno essere predisposte per la ricarica. Lo chiede una mozione che sarà presentata dal Partito democratico di Carugate. Un’altra invece prevede che siano disseminate colonnine in giro per la città.

Veicoli elettrici

La proposta si basa sull’intento di limitare le emissioni inquinanti. E i veicoli elettrici abbattono decisamente polveri e gas tossici. Così, partendo dalla considerazione che il Regolamento edilizio di Carugate è sempre stato pioniere di molti accorgimenti per un’edilizia sostenibile, il Pd esorta a procedere in tale direzione.

Sistemi di ricarica

I dem chiedono di adeguare il Regolamento edilizio, inserendo l’obbligo della predisposizione delle infrastrutture idonee alla ricarica dei veicoli elettrici per le nuove costruzioni.

Colonnine

Inoltre il Pd chiede all’Amministrazione di attivarsi al più presto, in proprio o con altri soggetti, per la realizzazione di un minimo di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici su tutto il territorio comunale, specialmente nei grandi parcheggi presenti in città.

Biossido di azoto

Insomma, dalle opposizioni si continua a premere sul tema della riduzione dell’inquinamento. Si ricorderà la proposta di Carugate in movimento di installare rilevatori di biossido di azoto in tutte le scuole cittadine.

Leggi anche:  Manutenzione del verde dopo i disastri scintille tra i dem

Ikea è già avanti

“Già Ikea da qualche tempo ha dei parcheggi green, destinati alla ricarica dei veicoli elettrici, e lo stesso avviene anche a Milano e in tante altre città, grandi e piccole – ha detto la consigliera Rosaria Amato -. Perché non sperimentarne qualcuna anche all’interno del tessuto urbano, nei punti strategici?”.

Vetture ecologiche

“Crediamo che Carugate debba guardare alla mobilità elettrica, sempre più diffusa in Italia – ha aggiunto il segretario cittadino Francesco Galli – Su di essa stanno investendo le grandi case automobilistiche europee. Avere nei prossimi anni case pensate per la ricarica dei veicoli elettrici, faciliterà l’acquisto di vetture ecologiche”.