Le sestesi del Geas sono state battute dall’Alpo Villafranca.

Primo tonfo

La squadra di Cinzia Zanotti si presentava alla partita da capolista solitaria, con un ruolino di marcia fatto di sole vittorie. Villafranca però era annunciata come squadra più che insidiosa. E tale si è dimostrata, costringendo così alla sconfitta il Geas. Le veronesi sono partite bene e sono rimaste sempre a contatto con Sesto, anche quando la capolista ha prodotto il suo massimo in fase offensiva. Nei minuti finali il Geas si presenta sotto di un punto, ma gli ultimi istanti di gara sono disastrosi. Villafranca non si fa pregare e scappa verso il 51-39 definitivo

Le dichiarazioni

Così l’allenatrice Cinzia Zanotti nel dopogara: “Avremmo dovuto affrontare questa partita con tuttaltra mentalità. Le ragazze sono scese in campo nervose, contratte, senza faccia tosta per poter rispondere ai colpi delle avversarie. Abbiamo sentito eccessivamente la partita: se questo è l’esito di gare da noi percepite come fondamentali, allora dobbiamo cambiare metodo e provare a giocarle come se fossero “normali” scontri di campionato, quindi senza pressioni. Ora c’è la pausa natalizia e cercheremo di affrontare i nostri problemi. Il riposo dal campionato ci permetterà di recuperare dagli infortuni, anche se la condizione fisica non è stata il fattore di questa sconfitta: avevamo già dimostrato di poter offrire una buona pallacanestro anche con qualche giocatrice sottotono”. Il campionato riprenderà sabato 6 gennaio, con il Geas che ospiterà le sarde di Selargius.

Leggi anche:  Geas e Fondazione Fratelli di San Francesco insieme in campo

Il tabellino

ALPO VILLAFRANCA-GEAS SESTO SAN GIOVANNI 51-39
Parziali: 12-10, 9-12, 14-9, 16-8.
Villafranca: Vespignani 2, Toffali 3, Dell’Olio 9, Viviani ne, Zanella 3, Scarsi 4, Pusceddu ne, Zanardelli ne, Zampieri 11, Ramò 7, Mancinelli 12, Tomea ne. All. Soave.
Sesto: Schieppati 2, Arturi 3, Zagni 7, Galbiati 5, Mariani ne, Decortes, Gambarini 7, Panzera ne, Barberis 9, Ercoli 6, Pusca ne. All. Zanotti.
Arbitri: Vastarella di Napoli e Roca di Avellino.