Quest’anno è stata la riscossa dei bambini sestesi

I vincitori del Sestino d’Oro

Si chiama Sestino d’Oro, il concorso canoro per bambini che si svolge da 8 anni a Sesto.  Possono parteciparvi bambini da tutta la Lombardia. Prima, però, bisogna passare delle selezioni. Quest’anno sul palco del circolo Torretta di via Milaese 1 si sono sfidati a suon di canzoni dello Zecchino d’Oro 16 bambini. E, a sorpresa, hanno stravinto i baby cantanti di Sesto.

Primo premio ad Alice Evangelista, 9 anni, che in coppia con Giorgia Ferri, ha cantato “La torta della pace”. Hanno tradotto in musica la ricetta  per portare la Pace nel mondo. «Prima di impastare prepariamo gli ingredienti: l’amore che è nel mondo, uguaglianza e libertà per tutti quanti. Direi anche le religioni tutte insieme, che ci stanno proprio bene».

Le due bambine si sono aggiudicate sia il premio della giuria tecnica composta da esperti del mondo musicale come Tony Martucci, Luigi Frojo, Gerardo Tarallo e Alberto Anelli, sia il premio della giuria dei bambini.

Al secondo posto per la giuria dei bambini Lorenzo Melli, 10 anni, che in giacca e cravatta ha cantato “Se ci fosse il mare a Milano”. «Se ci fosse un bel mare a Milano niente traffico e poco rumore, qualche nota stonata da un piano e le vacanze a tutte le ore». Recita il testo della canzone.

Leggi anche:  Ricercato fuggito da Sesto trovato a Voghera

Il Sestino d’Oro

Il Sestino d’Oro è arrivato alla sua ottava edizione. E’ organizzato da Pro Loco, circolo Torretta, Unicef e dalla direttrice artistica ed insegnante di musica Giusy Mosca. E’ ormai una vetrina importante per i baby cantanti, da qui sono passati bambini che ora cantano con Andrea Bocelli o che hanno partecipato a programmi televisivi importanti come «Io canto» e «Ti lascio una canzone».

Cercasi baby cantanti

La direttrice artistica Giusy Mosca è sempre alla ricerca di nuovi talenti per il prossimo concorso. Le selezioni in genere si svolgono a marzo al centro commerciale Sarca. Possono partecipare bambini dai 5 agli 11 anni. Per partecipare serve essere intonati, ma soprattutto essere simpatici e disinibiti sul palco.