Al centro sportivo di via Boccaccio di Cernusco sul Naviglio la stagione non è iniziata sotto i migliori auspici. E l’episodio di ieri sera, giovedì 7 novembre 2019, quando l’allenamento di calcio è stato annullato per l’ennesimo black out non fa che esasperare una situazione già ribollente.

Allenamento di calcio annullato

Sui campi si stavano allenando i ragazzi dell’Elettro Cernusco, quando all’improvviso è mancata la corrente. “Hanno provato a sollevare le leve nel quadro, ma non si riusciva – ha spiegato il consigliere della Lega Lino Ratti, che sta seguendo la vicenda in qualità di membro della commissione Educazione e Cultura – Così i genitori hanno dovuto portarsi a casa i figli, infuriati”.

I precedenti

I disagi si manifestano dall’11 ottobre scorso. Il centro sportivo, gestito dalla Federazione italiana hockey, era affidato lo scorso anno da questa alla società Cernusco hockey e sport. A giugno però c’è stato un cambio, ma non è avvenuta la voltura delle utenze. Così il referente della Chs ha deciso di chiudere il contratto. L’attivazione del nuovo è andata per le lunghe e così hockeisti, calciatori e ciclisti che afferiscono al centro sportivo sono rimasti al buio e con le docce fredde. Dopo un mese di disagi il problema sembrava essere risolto. Invece, per qualche nuovo motivo, si è tornati al punto di partenza.

Leggi anche:  Tre veicoli a fuoco nella notte a Cernusco sul Naviglio | FOTO E VIDEO

“Problema di gestione”

“E’ evidente che va rivista la gestione – ha detto Ratti – Basti pensare che il giorno prima ragazzi e allenatori si erano presentati con mezz’ora di anticipo rispetto al previsto, sostenendo di essersi accordati. I gestori non volevano nemmeno farli entrare”. Dell’argomento se ne occuperà la commissione martedì 19 novembre alle 18.30 in biblioteca.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.