La data dello sciopero è decisa, gli educatori degli otto asili nido comunali di Sesto San Giovanni incroceranno le braccia per tutta la giornata di venerdì 16 marzo.

Secondo sciopero nella storia del Comune di Sesto

Lo sciopero è stato ufficialmente proclamato da Cgil, Usb e Rsu. Per Sesto San Giovanni si tratterà del secondo sciopero di dipendenti comunali della storia, dopo quello di tre anni fa degli operatori dei Centri diurni disabili. Il provvedimento fa seguito allo stato di agitazione attivato a inizio anno.

Il sindacato: “Grave carenza d’organico”

Alla base della decisione dei lavoratori c’è la mancanza di personale e l’assenza di indicazioni da parte della Giunta sulla futura gestione del servizio. “La prima ragione dello sciopero è la forte carenza di organico che si sta riflettendo negativamente sulla qualità del servizio”. Ha detto Alexandra Bonfanti, referente della Cgil Funzione pubblica. “C’è inoltre mancanza di informazioni rispetto al modello organizzativo del servizio e dall’Amministrazione non sono arrivate le risposte sul futuro assetto dei nidi”.

Leggi anche:  Da lunedì stop ai diesel Euro 3 in Lombardia

Sale l’attesa per la commissione consiliare sui nidi di lunedì

La Giunta ha sempre escluso ipotesi di esternalizzazioni, ma non ha ancora reso noto i piani sugli asili nido, per cui aleggia l’ipotesi di chiusure e privatizzazione di alcuni plessi. Le indicazioni concrete sul futuro del servizio sono attese nella Commissione consiliare convocata per lunedì prossimo, 12 marzo, in Municipio.