Dopo gli atti vandalici che hanno interessato la scuola materna comunale, l’Amministrazione di Vignate è pronta a prendere provvedimenti.

Atta vandalici costati 12mila euro

Il sindaco Paolo Gobbi ha fatto il punto sulla situazione della scuola a un mese di distanza dagli atti vandalici che l’hanno interessata. Un giovane, come scoperto dai carabinieri, vi si era introdotto furtivamente, aveva forzato la porta, imbrattato le pareti, rubato una pianola e provocato diversi danni.  Per un conto complessivo di 12mila euro. Soldi che in parte saranno rimborsati dall’assicurazione e in parte saranno a carico della famiglia del giovane vandalo.

Antifurto nelle strutture pubbliche

L’obiettivo dell’Amministrazione, però, è che questi episodi non si verifichino più in futuro. per questo motivo è stato dato mandato agli uffici di provvedere all’acquisto di sistemi anti intrusione che saranno installati in alcune delle strutture pubbliche. Tra queste la scuola dell’infanzia, ma anche il centro sportivo il cui antifurto era guasto ormai da diversi anni.

Leggi anche:  Pii Bellaria, chiesti danni per trenta milioni di euro. Il Comune trema

Un atto dovuto

“Sino a oggi avevamo installato sistemi di sicurezza solo in quelle strutture dove vengono conservate attrezzature preziose o costose – ha spiegato il sindaco – Purtroppo gli episodi recenti avvenuti a Vignate e in altri Comuni della zona hanno testimoniato come siano sempre più frequenti i casi di furto o di atti vandalici”.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE.