Una serata dedicata al Biglietto unico, il nuovo ticket che dovrebbe diventare attivo a partire da luglio e che rivoluzionerà il modo di spostarsi con i mezzi pubblici.

Biglietto unico una serata di approfondimento

Ieri sera, venerdì 7 giugno, la Lista per Pioltello ha organizzato un incontro aperto alla cittadinanza per approfondire il tema del nuovo ticket. Tra gli invitati Elisabetta Strada, consigliere regionale civica, Siria Trezzi, consigliere metropolitano ai trasporti e i rappresentanti locali della lista. A introdurre l’incontro l’assessore pioltellese Giuseppe Bottasini.

Cambio dei costi

Il focus è stato puntato immediatamente sulla “rivoluzione” del biglietto unico. A partire da luglio, infatti, ci si potrà spostare nella provincia di Milano utilizzando tutti i mezzi pubblici (metro, autobus, tram e filobus) senza dover acquistare altri biglietti o fare integrazioni particolari. La modifica è anche da un punto di vista dei costi. Infatti non si pagherà in base al numero di mezzi utilizzati, ma alle cerchie chilometri che vengono attraversate. Senza scordare poi gli sconti su abbonamenti mensili e annuali che dovrebbero abbattere di molto le spese per gli utenti del trasporto pubblico. Ma non tutti.

Leggi anche:  Un pitbull per amico è la campagna del canile di Vignate

Il treno resta fuori

Al momento infatti, manca ancora l’accordo tra Regione Lombardia e Trenord per inserire anche il passante ferroviario nell’accordo sul biglietto unico. Allo stato di fatto, quindi, chi vuole prendere il treno per raggiungere Milano è costretto a cambiare biglietto nel momento stesso in cui scende dalla carrozza e sceglie di prendere un altro mezzo. Un’assurdità su cui si sta lavorando per porre rimedio.

Sicurezza e stazioni

A porre l’accento sulla situazione delle nostre stazioni e sulla sicurezza dei treni ci ha pensato il capogruppo della Lista per Pioltello Mirko Dichio che ha analizzato la situazione partendo proprio dalla stazione cittadina. Impossibile poi non fare accenni a quanto accaduto lo scorso anno, il 2018, quando ben due deragliamenti hanno interessato la linea Pioltello – Milano. E uno di questi si è trasformato in tragedia.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE.