Brebemi a Roma per raccontare come saranno le autostrade del futuro. Ci sarà anche il presidente di Brebemi Francesco Bettoni mercoledì a Montecitorio per un incontro dal titolo “Innovazione e Analisi Costi Benefici: gli strumenti per le infrastrutture del futuro”. Una partecipazione fortemente voluta anche a seguito degli ottimi risultati dell’incontro di sabato 8 settembre “Il Trasporto Elettrico delle Merci su Strada” e del progetto pilota di elettrificazione di una prima tratta di A35 Brebemi.

Brebemi a Roma per presentare i dati sulla crescita

Francesco Bettoni

L’esperienza e la crescita in termini di traffico e investimenti della A35 Brebemi – primo project financing infrastrutturale italiano ed esempio di collaborazione tra pubblico e privato – approda con un intervento del Presidente Francesco Bettoni all’importante seminario di mercoledì 12 settembre 2018 a Roma in piazza Montecitorio. Lo sviluppo del nuovo progetto Smart Roads da parte di Anas oltre che l’idea di una mobilità sostenibile partendo dall’economia circolare, hanno incoraggiato la A35 Brebemi e Concessioni Autostradali Lombarde a “guardare oltre” e presentare il progetto pilota di elettrificazione dell’autostrada per il trasporto merci. Smart Road è un programma all’avanguardia a livello mondiale e attraverso il paradigma IoT permetterà di avere strade e autostrade sempre più sicure, inter­connesse e capaci di interagire con l’utenza fornendo informazioni sul traffico e sullo stato dell’infrastrut­tura e il nuovo progetto di elettrificazione di A35 ben si inserisce in questo contesto.

Leggi anche:  Natale in piazza, il grande albero acceso il giorno dell'Immacolata

Il progetto Cal-Brebemi

“Il nostro progetto sviluppato assieme a Cal (Concessioni Autostradali Lombarde) e in allineamento con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministero dell’Ambiente, è la naturale evoluzione della più moderna e tecnologica autostrada italiana” ha affermato Francesco Bettoni. “È una rivoluzione copernicana nel trasporto merci su gomma, che permette alla nostra autostrada di inserirsi di una economia circolare, in cui anche l’energia elettrica verrà prodotta accanto alla A35, in un contesto che ci vede sempre più proiettati al futuro, sostenibili e sicuri. La partnership con Siemens e Scania, entrambi punti di riferimento di questo settore, e l’interesse da parte di grandi operatori della logistica e dei trasporti sono per noi una garanzia di un progetto che darà grande valore al sistema infrastrutturale lombardo e nazionale”.

TORNA ALLA HOME