Capannone sequestrato, i 5 Stelle chiedono fondi e provvedimenti. Il consigliere regionale Massimo De Rosa ha commentato quanto accaduto a Cassano.

Capannone sequestrato a Cassano

Rifiuti smaltiti senza le dovute autorizzazioni. Blitz di Guardia di Finanza, Polizia locale e Arpa in un capannone in località Taranta, nel Comune di Cassano d’Adda, a una manciata di metri dal confine con Treviglio.  Sotto il capannone, che si trova lungo la Ex Statale 11, le forze dell’ordine hanno trovato di tutto. Ci sono calcinacci e detriti probabilmente provenienti da lavori di ristrutturazione. Sono stati trovati rifiuti speciali, come bidoni di vernice ed elettrodomestici dismessi. Il rischio, secondo gli inquirenti. è che non finisca qui. 

La reazione del Movimento 5 Stelle

“La mala-gestione dei rifiuti assume giorno dopo giorno i contorni di un’emergenza – ha commentato il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Massimo De Rosa – Un’emergenza che abbiamo intenzione di contrastare attraverso una battaglia senza quartiere. Nelle prossime settimane in Regione Lombardia voteremo la legge di bilancio. Presenteremo emendamenti per ottenere dalla Giunta i fondi necessari a mettere le forze dell’ordine nelle condizioni di svolgere al meglio il proprio lavoro. Stiamo parlando di formazione, attrezzature e strumenti di mappatura attraverso i quali impedire che la Lombardia diventi la nuova terra dei fuochi”.

Leggi anche:  Rifiuti smaltiti illegalmente, capannone sotto sequestro FOTO

Avevamo trattato il tema dello smaltimento dei rifiuti e del rischio di diventare la nuova terra dei fuochi in un’inchiesta di un paio di settimane fa.

LEGGI ANCHE:

CASSANO, VOLONTARI RIPULISCONO LA MUZZA

Sequestrato un capannone a Cinisello, c’erano 60 tonnellate di rifiuti

La Lombardia, nuova terra dei fuochi?

Discariche abusive, 600 interventi in 7 mesi

Lotta ai rifiuti, caccia ai colpevoli

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI