Mentre ancora infuriano le polemiche sulla notte brava di via Galilei, uno dei partecipanti ha raccontato la filosofia che sta dietro le feste clandestine.

“Cerchiamo un posto isolato, altrimenti i residenti ci mandano gli sbirri – ha detto – Vogliamo essere liberi, almeno per una notte. Poi domani si torna ad affrontare il mare di m… che c’è fuori”

Il resto dell’intervista nell’edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell’edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 28 gennaio 2017.