Cerca, presto potrebbero arrivare fondi per la sicurezza: “Partiamo da una rotonda”. La questione ha infiammato il dibattito politico.

“Serve mettere in sicurezza la Cerca”

Nel corso della seduta del Consiglio regionale, l’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia è intervenuto nel dibattito riguardante una mozione sulla Strada Provinciale 39 Cerca. “Condivido le preoccupazioni evidenziate dall’aula – ha detto – Posso soltanto ribadire che porremo in essere tutte le azioni possibili per aumentare la sicurezza di questa arteria, al fine di diminuire i rischi e l’incidentalità stradale. Mi preme sottolineare, però, che l’attivazione di interventi diretti sull’infrastruttura non è concessa a Regione Lombardia in quanto il proprietario e gestore della Strada Provinciale 39, cosiddetta ‘Cerca’, è la Città Metropolitana di Milano, che detiene esclusiva competenza a disporre misure risolutive”.

“Dalla Regione otto milioni per la sicurezza stradale”

“Regione Lombardia ha indetto un bando che prevede ben 8 milioni di euro in 3 anni per finanziare interventi per la messa in sicurezza della rete stradale lombarda – ha spiegato -. Perciò il mio assessorato solleciterà la Città Metropolitana di Milano a cogliere questa grande opportunità. Al bando regionale, a cui possono partecipare Comuni, anche le Province e la Città Metropolitana, è possibile accedere fino a mezzogiorno del 5 luglio prossimo. Nel 2017 sui 15,3 chilometri della strada provinciale ‘Cerca’ si sono
verificati 18 incidenti, con un bilancio di 1 morto 24 feriti, dati che non possono essere ignorati e che devono spronare ulteriormente i tecnici ad aumentarne la sicurezza”.

Leggi anche:  Metano liquido sulla Brebemi, è il carburante del futuro

“Realizziamo la rotonda, ma siete in ritardo”

“Siamo d’accordo sul fatto che si debba trovare una soluzione per la sicurezza della Strada Cerca e che per farlo occorra una collaborazione tra la Regione e la Città metropolitana. Vale però la pena ricordare che la rotonda della Cerca poteva essere realizzata con i soldi delle opere compensative della Tangenziale esterna. La Regione già dal 2007 aveva la presidenza del collegio di vigilanza dell’accordo di programma, che era tenuto a decidere dove investire le risorse, e anche la guida di Cal, la concessionaria della Tem. Giusto, quindi, impegnarsi per realizzare la rotonda, purché si chiarisca che la Regione ha una qualche responsabilità se l’opera, oggi, non c’è”. Sono le parole del consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati in merito alla mozione firmata dal consigliere Franco Lucente (FdI) approvata oggi in Consiglio regionale anche con i voti del PD, con cui si chiede che Regione e Città Metropolitana collaborino alla soluzione del problema di sicurezza della Strada Cerca, valutando la possibilità di realizzare una rotonda per meglio regolare il traffico.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE