Arrivano le telecamere mobili per contrastare il fenomeno dello scarico abusivo di rifiuti ingombranti nelle strade di Sesto San Giovanni.

Negli ultimi sei mesi scovate 1.500 discariche abusive

L’Amministrazione mette in campo nuovi strumenti per arginare un fenomeno che è diventato una vera e propria emergenza. Secondo i dati diramati dal Comune, infatti, negli ultimi sei mesi sono state scovate 1.500 discariche abusive sul territorio.  Viene abbandonato di tutto: da grosse quantità di sacchi della spazzatura, a pezzi di arredamento, elettrodomestici, materassi. E nei casi più gravi, anche manufatti in eternit.

Le telecamere registrano 24 ore su 24

A partire da questa settimana sono infatti già operative due telecamere mobili, montate su auto civetta della Polizia locale. Auto che vengono posizionate nei luoghi dove si verificano più di frequente gli scarichi. Le telecamere registrano immagini 24 ore su 24 con l’obiettivo di immortalare le targhe dei furgoni usati per il trasporto dei rifiuti. Ma anche i cittadini privati che abbandonano gli ingombranti.

Una piaga che al Comune costa quasi 200mila euro all’anno

“Purtroppo la piaga di questo comportamento incivile costituisce un grave danno per il Comune. In 6 mesi sono state contate ben 1500 discariche sul territorio comunale per un costo di 15 mila euro al mese (180 mila euro l’anno) per la pulizia e la rimozione dei rifiuti dalle aree colpite”. Commenta l’assessore all’Ambiente Alessandra Magro. “Le telecamere mobili sono uno strumento utile come deterrente e aiuteranno a sorprendere i trasgressori”.
L’Amministrazione ricorda che per il ritiro a casa dei rifiuti ingombranti basta chiamare 800.329.650: Area Sud verrà a ritirarli direttamente e gratuitamente a domicilio.