Verrà consegnato giovedì 24 gennaio 2019, alle 12.30, al Centro “S. Maria al Castello” Fondazione Don Gnocchi di Pessano con Bornago, il nuovo apparecchio elettromedicale riabilitativo “Cro System”, acquistato grazie alla generosità e all’impegno dell’Associazione MicAsia Onlus di Caponago, che da lungo tempo collabora con la Fondazione.

Don Gnocchi, nuova strumentazione grazie a gara solidale

La donazione del “Cro System” rappresenta infatti il risultato concreto di una raccolta fondi che ha permesso all’Associazione MicAsia di raccogliere oltre 23mila euro, con il risultato di mettere a disposizione dei pazienti del Centro di Pessano, in particolare dei bambini, questa innovativa apparecchiatura.

Oltre a un’ampia rappresentanza di operatori, pazienti e genitori, la cerimonia di giovedì 24 gennaio vedrà presenti, tra gli altri, il direttore del Centro di Pessano con Bornago, Alberto Rotondi, la presidente dell’Associazione MicAsia Onlus Michela Cereda, il responsabile medico del Centro di Pessano  Giovanni Raineroe il professor Guido Filippi, docente associato di Fisiologia Umana presso l’Università Cattolica di Roma e ideatore del Cro System, che spiegherà il funzionamento dell’apparecchiatura.

I ringraziamenti

«A nome della Fondazione Don Gnocchi – sottolinea il direttore del Centro di Pessano, Alberto Rotondi – voglio ringraziare di cuore l’Associazione MicAsia Onlus e in particolare la sua presidente, Michela Cereda, insieme a tutti coloro che si sono prodigati in questo sforzo di solidarietà. Siamo orgogliosi della fiducia riposta in noi e garantisco il nostro massimo impegno e professionalità, affinché questo nuovo strumento sia messo in maniera proficua a disposizione degli utenti del Centro».

Leggi anche:  Pessano con Bornago, 150 anni fa la richiesta di accorpamento

Il Cro System

Il Cro System è un dispositivo che agisce sul sistema nervoso centrale in modo da migliorare le performance motorie, attraverso vibrazioni a frequenza costante che intervengono direttamente sui muscoli, senza l’utilizzo di correnti né di campi magnetici. Permette il trattamento di pazienti di ogni età, in ambito neurologico e motorio, come esiti di paralisi cerebrale infantile, ictus, sclerosi multipla, ma anche in ambito geriatrico, per il trattamento dei dolori reumatologici, nell’artrosi cervicale, la sciatica e la sciatalgia e in ambito sportivo. I suoi effetti consistono in un aumento o diminuzione del tono muscolare, a seconda della patologia, un aumento della forza, della resistenza alla fatica, della coordinazione e della sensibilità.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI