FS potenzia Rogoredo con nuovi servizi e più fermate Frecciarossa.

FS potenzia Rogoredo con nuovi servizi e più fermate Frecciarossa

Ieri Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS, ha presentato i principali servizi che rientrano in un ampio piano di potenziamento della stazione di Rogoredo.

La cerimonia

Presenti Matteo Salvini, Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Interno, Danilo Toninelli, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Alessandro Morelli, presidente della commissione Trasporti alla Camera insieme ad altre autorità locali e nazionali

I nuovi servizi

Per far fronte alla temporanea chiusura dello scalo di Linate, sono stati incrementati i collegamenti con le Frecce tra le stazioni di Milano e Roma, che salgono a 104. A Milano Rogoredo aumentano le fermate, che passano da 36 a 50. Incrementati anche i servizi di vendita e assistenza in stazione con nuovi impianti self service, il prolungamento dell’orario di biglietteria e un desk mobile con un customer care operativo nelle ore di punta. In via Cassinis il parcheggio Metropark aumenta la sua capienza con 189 posti auto, quattro dei quali riservati alle persone a ridotta mobilità.

Leggi anche:  Madonna del miracolo si è conclusa la festa a Cassano

La sicurezza in stazione

Previsto un nuovo ufficio di 200 metri quadri per la Polizia Ferroviaria e il potenziamento del presidio di Protezione Aziendale del Gruppo FS Italiane. Sono stati inoltre installati tre defibrillatori semi automatici che si aggiungono ai due già presenti in stazione. Ulteriormente implementato il sistema di videosorveglianza già attivo nello scalo.

Alessandro Morelli

Presente all’inaugurazione il deputato della Lega e presidente della commissione Trasporti alla Camera, che non ha nascosto la sua soddisfazione:

“Oggi è una giornata importante per Milano e per l’Italia. Con il potenziamento dell’hub ferroviario di Rogoredo abbiamo dimostrato che per le opere utili al nostro Paese non possiamo parlare di ‘domani’, ma sempre e solo di ‘oggi’. Su questo risultato la Lega ha investito moltissimo, soprattutto in ambito locale: non crediamo nei miracoli, ma nei fatti che, giorno dopo giorno, possono garantire ai cittadini delle soluzioni e i dati ci dicono che 100mila passeggeri sceglieranno il treno a causa della chiusura di Milano Linate”.