Risarcimento per Cassanopoli, finora sono entrati nelle casse comunali 700mila euro a fronte di un totale di un milione e 800mila. E le previsioni non sono rosee.

Risarcimento per Cassanopoli col contagocce

La cifra totale che dovrebbe incassare il Comune a seguito delle sentenze dei giudici, sia del Tribunale sia della Corte dei conti, è di un milione e 800mila euro. Ma finora in cassa ne sono entrati 700mila e il futuro non promette bene. La prossima udienza per il pignoramento degli averi dell’unico imprenditore condannato che risulta essere proprietario di beni immobili è stata fissata per l’1 ottobre 2019.

C’è pessimismo

Se sul fronte del risarcimento da parte dei politici le cose stanno andando meglio, non è così per il filone che riguarda gli imprenditori. Dei seicentomila euro previsti inizialmente andrà bene se si riuscirà ad averne 100mila. “Abbiamo fatto tutto il possibile e continuiamo a tenere monitorata la situazione di ogni condannato, ma non ci sono altre strade da percorrere”, ha detto l’assessore agli Affari generali Simona Merisi.

Leggi anche:  Negozio svaligiato, il titolare decide di chiudere l'attività

Tutti i dettagli, la situazione attuale e le previsioni di entrata sul numero della Gazzetta dell’Adda in edicola e online da sabato 31 agosto 2019.

LEGGI ANCHE

Cassanopoli a pagare sarà solo Rimoldi, forse

Tangentopoli di Cassano interviene la Corte dei Conti

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.