La boxeur amputata Erika Novarria non ha mai smesso di combattere, ma ora potrà salire di nuovo anche sul ring.

A Erika Novarria avevano rubato la protesi

A inizio maggio alla pugile della palestra Asd Testudo di Cernusco avevano rubato l’auto, in cui era custodito il piede challenger da 8mila euro utilizzato per gli allenamenti e i match. Aveva subito lanciato un appello ai ladri: “Vi prego, ridatemi la protesi, voglio tornare a vivere”. Anche il sindaco di Paderno dugnano, dove era stato trovato trovato il computer che aveva lasciato a bordo della sua Toyota, si era rivolto ai responsabili del furto.

Tornerà sul ring grazie alle donazioni

In questi giorni centinaia di persone hanno dimostrato affetto e vicinanza alla 27enne, anche in maniera concreta. Era stata lanciata una raccolta fondi per donare una nuova protesi a Erika, in maniera tale che potesse salire di nuovo sul ring. Lei non si è mai persa d’animo e ieri, martedì, le è stata regalata una nuova protesi, consegnata al Coni di Milano.

Leggi anche:  "Condizionatori rotti e topi in ospedale a Cernusco"

Per le notizie del giorno torna alla home page.